Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caivano, scoperte oltre 30 tonnellate di rifiuti interrati abusivamente


Caivano, scoperte oltre 30 tonnellate di rifiuti interrati abusivamente
03/10/2013, 15:30

CAIVANO - A Caivano, in località Sant'Arcangelo, durante un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati in materia d'inquinamento ambientale, i carabinieri della locale tenenza insieme ai colleghi del nucleo operativo ecologico di Napoli, in un’area di circa 30.000 mq, adiacente l'impianto di depurazione delle acque reflue urbane di acerra, durante lavori di manutenzione alla condotta fognaria, hanno rinvenuto, interrati a circa 40 cm di profondità, rifiuti speciali pericolosi e non, in particolare costituiti da plastica, materiale edile di risulta, pneumatici usati, pulviscolo grigio verosimile scoria di alto forno, materiale in cemento amianto, ferro, asfalto, legno e altri rifiuti solidi non meglio identificabili, stimati in circa 36.000 tonnellate di rifiuti. Tutta l’area è stata sequestrata.

Aggiornamento ore 15.40
L'area posta sotto sequestro dai carabinieri è di proprietà della Regione Campania: i militari stimano che nel terreno siano stati interrati decine di migliaia di tonnellate di rifiuti speciali e non. I lavori per la realizzazione delle condotte che collegano le fogne di Caivano all'impianto di depurazione delle acque reflue di Acerra (Napoli) risalgono a una decina di anni fa.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©