Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caivano, servizio di controllo al parco verde. Arresti e denunce


Caivano, servizio di controllo al parco verde. Arresti e denunce
28/10/2011, 14:10

A caivano i militari dell’arma dei carabinieri della locale tenenza coadiuvati da colleghi del nucleo investigativo di castello di cisterna e del nucleo operativo e radiomobile di casoria durante un servizio straordinario di controllo del territorio con perquisizioni per blocchi di edificio all’interno del parco verde hanno tratto in arresto: - G.A., 23 anni, residente a caivano in via pignatelli, già noto ale forze dell’ordine, raggiunto da ordinanza di applicazione di detenzione domiciliare emessa il 6 ottobre dal tribunale di napoli per detenzione a fini di spaccio di stupefacente (dovrà espiare la pena detentiva di 4 anni e 9 mesi di reclusione); - P.D., 49 anni, residente in via de paola, già noto alle forze dell’ordine, raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in regime domiciliare emessa il 3 ottobre dal tribunale di verbania per falsità materiale commessa da privato; - V.D., 26 anni, residente in via brodolini, già noto alle forze dell’ordine, raggiunto da ordine di carcerazione emesso il 14 ottobre dalla procura di santa maria capua vetere (ce) dovendo espiare la pena di 3 anni e 8 mesi di reclusione per porto illegale d’arma bianca e rapina. Nel corso dell’operazione e’ stato denunciato un 61enne di via necropoli trovato in possesso di un coltello della lunghezza di 11 cm. Che portava senza giustificato motivo e segnalate per uso personale di stupefacente 9 persone alle quali sono stati complessivamente sequestrati 10 grammi di marijuana. Nel corso del servizio sono stati inoltre rinvenuti e sequestrati: - nel vano scale dell’isolato c1/4, 130 grammi di cocaina; - nel vano scale dell’isolato c4/2, 31 grammi di eroina; - sul tetto dell’isolato c1/4, 2 telecamere di videosorveglianza che inquadravano via atellana, probabilmente per premunirsi in caso di visite “indesiderate”. Gli arrestati sono stati tradotti presso i rispettivi domicili a eccezione di verdone che e’ stato tradotto nella casa circondariale di poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©