Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avevano costretto l'adolescente a bere una sostanza tossica

Calabria: arrestati due ragazzi che perseguitavano un 14enne

Le accuse: furto, stalking, violenza, lesioni ed estorsione

Calabria: arrestati due ragazzi che perseguitavano un 14enne
21/03/2012, 11:03

REGGIO CALABRIA – Due ragazzi di 16 e 17 anni sono stati arrestati a Marina di Gioiosa Jonica, nel Reggino dalla Guardia di Finanza. L’accusa è di furto, stalking, violenza privata, estorsione e lesioni personali perpetrate nei confronti di un quattordicenne. Le indagini sono partite alla fine del 2011, quando il ragazzino è stato ricoverato nell’ospedale di Locri perché costretto a ingerire una bevanda con sostanze tossiche, tra cui benzodiazepine, oppiacei, cannabinoidi, cocaina e anfetamine. Un vero cocktail mortale. Il 14enne scappò di casa per sfuggire ai suoi due aguzzini.
Le indagini sono state condotte dalla Compagnia dei Carabinieri di Roccella Jonica e dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Locri, assieme alle rispettive sezioni di polizia giudiziaria presso la Procura dei minori, che ha riscontrato gravi episodi di bullismo giovanile nei comuni di Siderno e Marina di Gioiosa Jonica. Ai danni del ragazzo di 14 anni sono stati accertate lesioni personali con calci e schiaffi, estorisioni di denaro, furto del telefono cellulare, che hanno provocato “un perdurante e grave stato di ansia e paura, nonché un fondato timore per la sua incolumità”. Il ragazzino era riuscito a sfuggire ai suoi stalker fuggendo dal suo paese. Fu costretto a prendere un treno e fu ritrovato nella stazione ferroviaria di Roma-Tiburtina. Da quel momento è scattata la segnalazione alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria e la Procura della Repubblica di Locri. Infine, è scattato l’arresto, richiesto dal magistrato e concesso dal gip.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©