Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Picchi di 34-35 gradi in tutta Italia

Caldo, allarme rosso in 16 città


Caldo, allarme rosso in 16 città
21/06/2012, 17:06

ROMA – L’estate è ormai arrivata e con essa anche il caldo afoso tasnto che la Colonnina di mercurio segna sui 34-35 gradi anche oggi in tutta la Penisola per l'alta pressione nordafricana che, dal 15 giugno, ha portato temperature record in Italia. La giornata di oggi è considerata dagli esperti "ad alto rischio" soprattutto per alcune zone come il Trentino, il Veronese, l'est Lombardia, le regioni centrali tranne le coste, Puglia e Sardegna. Come se non bastasse, ad aumentare i disagi per la popolazione, soprattutto per anziani e bambini, con la sensazione aggiuntiva di caldo è l'elevato tasso di umidità che farà salire la temperatura percepita fino a 40 gradi.
Ieri sono state centinaia le chiamate al numero gratuito nazionale 1500 del ministero della Salute che fornisce consigli ed informazioni su come difendersi dalle alte temperature di questi giorni. A contattare il numero verde, soprattutto uomini di età compresa tra 35 e 65 anni e donne tra i 65 e gli 85 anni.
In molte città, domani ci sarà una vera e propria giornata di fuoco. In particolare, il ministero della Salute ha lanciato l'allerta di livello 3, per 16 città, mentre per sabato la situazione dovrebbe migliorare con 'solo' 10 città da bollino rosso. Afa dunque attesa ancora per domani a Bolzano, Brescia, Campobasso, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Milano, Perugia, Pescara, Rieti, Roma, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo. Due le città segnalate di livello 2: Cagliari e Bologna.
Le temperature registrate ieri sono state temperature da record in diverse città: "Alghero con i suoi 39 gradi - affermano gli esperti - ha stracciato il precedente record del 2006 con 38.6 gradi. Perugia con i 37 gradi ha eguagliato il precedente record del 2002. Roma città si è fermata a 36,1 record per la seconda decade di giugno dal 1782. Bollente la Calabria e la Puglia con picchi di 38 nel cosentino e nel tarantino. Punte di 38 gradi anche nel ravennate. Per trovare simili temperature bisogna andare in Tunisia o in Turchia".
Secondo i meteorologi, 'Scipione' darà la sua performance migliore tra oggi e venerdì con i 40 gradi sul Foggiano, 40 su molte zone del sud e della Sicilia, 38-39 sulle regioni adriatiche, 36-37 tra l'Emilia e le zone interne della Romagna, 36 a Firenze e Roma. I 35-36 gradi saranno praticamente una costante nelle maggiori città e i 32-34 afosi di Milano saranno percepiti come 38. Dal ministero della Salute, il "bollino rosso" è indicato per 15 città sia per venerdì che per sabato prossimo.
Nelle zone emiliane, oltre ai disagi provocati dal sisma,  ci si mette anche il caldo. Infatti, domani le temperature supereranno i 35 gradi. Poi sabato dovremmo smettere di boccheggiare, quando infiltrazioni fresche atlantiche innescheranno dei temporali che riporteranno la colonnina di mercurio sotto i 29 gradi al Nord, quindi su valori nella norma. Al Sud invece il caldo intenso continuerà per qualche giorno, ma in graduale attenuazione.
Intanto si sprecano i consigli su come sopravvivere alle alte temperature di questi giorni ma in generale durante l'estate: evitare di uscire dalle 12 alle 17, bere molti liquidi, consumare pasti leggeri. Sono alcuni dei consigli di Federanziani, che ha lanciato un decalogo per proteggere i 'nonni' dai colpi di calore e trascorrere un'estate in sicurezza. La regola numero uno è evitare di uscire nelle ore più calde della giornata, seguita dall'arieggiare l'ambiente dove si vive, anche utilizzando un ventilatore. E se a Firenze e in tutte le province del Veneto si lancia l'allarme ozono, a Roma toccati i 36.1 gradi, superando così il record come giornata più calda di giugno da 230 anni, per la Capitale, stabilito appena lunedì scorso.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©