Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Italia in ginocchio: l'estate più torrida dal 1880

Caldo record, domenica forse le prime piogge


Caldo record, domenica forse le prime piogge
16/07/2010, 19:07

ROMA – Non accenna a diminuire l’ondata di caldo che ha colpito negli ultimi giorni l’intera penisola. Secondo i metereologi, fino a domenica la struttura anticiclonica presente sul Mediterraneo raggiungerà il suo apice, toccando punte di molto superiori ai 40° almeno fino a domenica.
La Protezione Civile, confermando il dato allarmante, sottolinea anche che il ristagno dell'umidita' nei bassi strati produrra' una diffusa sensazione di afa anche nelle ore notturne. Il tutto accompagnato da temporali diffusi nella zona alpina, causati da una perturbazione atlantica proveniente dalla Francia. Per l'inizio della prossima settimana, infine, si prevede ancora tempo tipicamente estivo, ma piu' instabile; i temporali pomeridiani saranno associati ad un ulteriore calo delle temperature che si prevede possano tornare su valori allineati con la norma.
Secondo i climatologi, temperature estive tanto alte non si registrano almeno dal 1880. In Italia il picco di afa ha superato quello del 2005, quando il tasso di umidità raggiunse quasi il 90%.
Il caldo degli ultimi giorni sta facendo schizzare verso l’alto i consumi di energia elettrica: la lancetta del wattometro è tornata a livelli che non si vedevano ormai da due anni. Alle 11.30 sono stati richiesti 56.400 MegaWatt, vicino al record storico per il periodo estivo, toccato il 20 luglio 2007.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©

Correlati