Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il nuovo anticiclone non darà tregua fino a metà settimana

Caldo record sull’Italia centromeridionale: arriva Nerone

Allerta su tutta la penisola

Caldo record sull’Italia centromeridionale: arriva Nerone
06/08/2012, 08:48

Dopo Minosse, Lucifero e Caronte, ecco arrivare Nerone.

Ormai sappiamo bene che non parliamo più di personaggi mitologici o imperatori romani, di vecchie reminescenze scolastiche, ma di anticicloni che stanno “allietando”, si fa per dire, questa nostra calda estate targata 2012.

Fortunatamente, sembra che Nerone sia l’ultimo ospite indesiderato e che da mercoledì sarà sostituito da Bretone, che porterà, assicurano i ben informati, un netto calo delle temperature sulle regioni dell’Italia centro-meridionale.

E se questa previsione meteorologica ci fa sperare bene per la seconda metà di agosto, non positive sono invece le notizie che ci giungono dalla Coldiretti per quanto riguarda l’agricoltura.

I danni arrecati alla nostra economia a causa  di questa pazza estate si aggirerebbero intorno a mezzo miliardo di euro e, stando a quanto detto, ci sarebbero addirittura le condizioni per dichiarare lo stato di calamità naturale nelle zone colpite dalla siccità.

A rischio, infatti, sono i prodotti di eccellenza del Made in Italy, che ci rendono famosi nel mondo intero e che rappresentano un volano importante per la nostra economia.

Ma tornando alle previsioni per i prossimi giorni le temperature nel centro-sud si aggireranno intorno ai 40 gradi, mentre a rischio nubifragi sono le zone dell’Italia settentrionale.

Le raccomandazioni degli esperti sono le solite per quanto riguarda un po’ tutti, ma soprattutto le categorie più a rischio, quali ad esempio gli anziani e i bambini, sono di evitare l’esposizione nelle ore di punta, di bere almeno due litri di acqua e mangiare molta frutta.

Regole che ci sentiamo ripetere da tempo e che forse sappiamo a memoria.

Ormai siamo abituati, infatti, a divincolarci tra torridi esteti e gelidi inverni, visto che neanche le stagioni sono più quelle di una volta.

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©