Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Calvizzano, scoperti dai carabinieri con 10 kg di hashish: arresti


Calvizzano, scoperti dai carabinieri con 10 kg di hashish:  arresti
30/03/2012, 09:03

Scoperto a Calvizzano un ingente quantitativo di hashish. A realizzare l'operazione sono stati i carabinieri della locale stazione insieme ai colleghi dell’aliquota operativa della compagnia di Giugliano in Campania e del nucleo cinofili di Napoli, che hanno arrestato per detenzione illegale di armi da fuoco, ricettazione e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti un uomo di  38 anni, residente a napoli in via f. cavara e anche per evasione dagli arresti domiciliari un uomo di  40 anni, residente a melito di napoli sulla circumvallazione esterna, entrambi già noti alle forze dell'ordine, attualmente sottoposto agli aadd per spaccio di stupefacenti. Dopo accurate indagini, i militari dell’arma dei carabinieri in via enrico de nicola, hanno notato i 2 arrivare insieme ma con auto diverse, parcheggiare ed entrare in una concessionaria di auto a dialogare tra loro. alla vista dei carabinieri il 38enne ha tentato la fuga, venendo comunque bloccato dopo un breve inseguimento a piedi. sottoposti a perquisizione personale e veicolare, i carabinieri hanno trovato nell’auto in uso al 40enne un kg di hashish, diviso in 10 panetti e una pistola calibro 9x21 con 10 cartucce nel serbatoio (risultata rapinata il 6 febbraio a qualiano ad una guardia giurata), nascosti in un doppio fondo ricavato nell’alloggiamento dello stereo dell’auto e in un borsone riposto nel bagagliaio sono stati trovati ulteriori 8,45 kg di hashish, divisi in 25 panetti.
Mentre nell’auto in uso al 38enne i carabinieri hanno rinvenuto 2 confezioni, aperte, di cellophane dello stesso tipo di quello utilizzato per confezionare lo stupefacente trovato nell’altra auto e di 945 euro in denaro contante, ritenuti provento d’illecita attività. le 2 auto con il materiale rinvenuto sono stati sequestrati. I due uomini arrestati sono stati tradotti nel carcere di poggioreale.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©