Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CAMEROTA, TRUFFAVA BANCA CON BANCOMAT CLONATO


CAMEROTA, TRUFFAVA BANCA CON BANCOMAT CLONATO
27/10/2008, 10:10

 

Truffava la banca con un bancomat clonato. Denunciato un elettricista a Marina di Camerota. I carabinieri della locale stazione, guidati dal luogotenente Massimo Di Franco, hanno scoperto una truffa che se non fosse stata subito scoperta avrebbe fruttato oltre centomila euro ad un 31enne del posto. Quest’ultimo, D.D. residente nella frazione Marina, era riuscito ad impossessarsi di un bancomat modificato, probabilmente in Polonia, con il quale poteva prelevare ogni giorno grosse somme di denaro senza incidere assolutamente sul suo conto bancario. A rimetterci era solo la banca, in questo caso la filiale della banca del Cilento, alla quale risultava inspiegabilmente ogni giorno un ammanco di denaro di circa 7mila euro.  Eppure le procedure sembravano tutte regolari. Hanno dovuto lavorare non poco i carabinieri prima di capire cosa vi fosse dietro. E così che gli inquirenti, coordinati dal sostituto procuratore Renato Martuscelli del tribunale di Vallo della Lucania, hanno iniziato una particolare attivitá di indagine con appostamenti ed intercettazioni. Dapprima i controlli sul conto e su come avvenivano i prelevamenti, poi la denuncia che il direttore della banca ha presentato ai carabinieri. Un’indagine incrociata che è andata avanti per alcuni giorni, poi la conclusione con tanto di riscontri, verifiche e prove. Solo dopo aver capito il funzionamento della truffa, gli uomini dell’Arma guidati dal tenente Giammarco Pugliese, sono usciti allo scoperto e hanno effettuato un blitz a sorpresa a casa dell’elettricista. • All’interno dell’abitazione, i carabinieri hanno rinvenuto parte del denaro asportato dalla banca, per un totale di circa 45mila euro. Ma le indagini sono tuttora in corso al fine di ritrovare l’altra parte di denaro scomparsa che ammonta ad altri 40mila euro. Intanto il 31enne è stato denunciato a piede libero con l’accusa di frode informatica.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©