Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sequestrato l'arsenale del clan

Camorra: arrestato figlio del boss Belforte


Camorra: arrestato figlio del boss Belforte
31/01/2014, 10:11

CASERTA - Nell'ambito delle indagini che oggi hanno portato all'arresto del figlio del boss Salvatore Belforte e di altre tre persone (due erano libere mentre la terza si trova in carcere), lo scorso 7 giugno, è stato anche trovato e sequestrato un arsenale del clan composto da 10 pistole, una pistola mitragliatrice e anche una bomba a mano del cosiddetto modello "ananas". L'indagine è la stessa che, nei mesi scorsi, ha portato alle notifiche di provvedimenti cautelari nei confronti di un consigliere regionale campano, di alcuni dirigenti dell'ASL di Caserta e di persone ritenute prestanome del gruppo camorristico di Marcianise. Tra le ordinanze eseguite in quel contesto figura anche il sequestro di beni mobili e immobili per circa 30 milioni di euro. Gli arresti sono stati eseguiti nell'ambito degli sviluppi di un'inchiesta avviata contro il clan Belforte, che opera nell'area di Marcianise (Caserta), che nei mesi scorsi ha portato a misure cautelari nei riguardi di un imprenditore casertano, di un consigliere regionale, di alcuni dirigenti della Asl di Caserta e di persone ritenute dagli investigatori prestanomi del clan camorristico. Nella stessa circostanza erano stati sequestrati beni per un valore di circa 30 milioni di euro, oltre a pistole, una mitragliatrice e una bomba a mano. Le indagini che hanno portato all'arresto di Camillo Belforte, per la prima volta colpito da una misura cautelare in carcere per il reato di associazione per delinquere di stampo camorristico, sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli e sono state condotte dai Carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta con controlli, pedinamenti e attività tecniche di vario tipo, insieme all'acquisizione di riscontri ad alcune dichiarazioni di collaboratori di giustizia in passato affiliati allo stesso clan Belforte. Nell'inchiesta sono stati ricostruiti i ruoli svolti, all'interno del gruppo camorristico, dalle quattro persone arrestate stamani. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©