Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Era in un centro abbronzante con 5 pregiudicati

Camorra: arrestato il boss Marco Mariano


Camorra: arrestato il boss Marco Mariano
08/07/2009, 02:07

Marco Mariano, il boss dei Quartieri Spagnoli da poco scarcerato, è stato nuovamente arrestato oggi a Napoli, nel quartiere di Fuorigrotta. Da sempre ai vertici dell’omonimo clan, detto dei ‘picuozzi’, Mariano si era reso irreperibile da 24 ore; la polizia lo cercava per notificargli un provvedimento in base al quale avrebbe dovuto passare un anno in una casa lavoro. Gli uomini della Squadra Mobile, diretti da Vittorio Pisani, sono riusciti a scovarlo mentre era all’interno di un centro abbronzante insieme ad alcuni parenti e amici, tra cui anche i figli del camorrista Ciro Perrella.
Marco Mariano, 54 anni, fratello di Ciro, era stato scarcerato nello scorso marzo dopo un lungo periodo di detenzione nel carcere di Milano-Opera; successivamente si era reso irreperibile, per sottrarsi alla misura di Prevenzione della Sorveglianza Speciale della Polizia, con obbligo di dimora a Napoli. Era stato rintracciato lo scorso mese di giugno e sottoposto alla misura di prevenzione ma, venuto a conoscenza che avrebbe dovuto passare un anno in una casa lavoro, aveva scelto di rendersi nuovamente irreperibile.
Per i magistrati della Direzione distrettuale antimafia Mariano è uno dei protagonisti della faida in corso ai Quartieri Spagnoli, diventata ancora più feroce proprio la scarcerazione del cinquantaquattrenne. Si colloca nella faida anche il raid del 26 maggio scorso, quando alcuni giovani in sella a degli scooter sfrecciarono contromano nel quartiere di Montesanto, zona Pignasecca, nei pressi della stazione della cumana, sparando con delle mitragliette ad altezza uomo. Si trattava, ritengono i magistrati, di un atto intimidatorio deciso dal clan dei Sarno-Ricci, di un messaggio destinato proprio ai Mariano per indicare come quel territorio, anche dopo la scarcerazione del boss, non avrebbe cambiato ‘padroni’. Nella circostanza l’obiettivo era il negozio di un pregiudicato ritenuto vicino ai Mariano, ma un 14enne venne ferito ad una spalla e Petru Birladeanu, musicista rumeno, fu raggiunto da due proiettili: morì poco dopo essersi rifugiato all’interno della stazione, a ridosso dei tornelli. Per quell’omicidio era stato arrestato, il primo luglio scorso, il ventinovenne Marco Ricci, figlio del boss Enrico, che col fratello Gennaro è a capo dell’omonimo clan. Il ragazzo, incensurato, era stato accusato di aver fatto parte del commando colpevole del raid, ma non di aver premuto materialmente il grilletto.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©