Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Blitz notturno dei carabinieri nell'area Nord di Napoli

Camorra, arrestato il ''direttorio'' dei Di Lauro

In manette 8 persone, gestivano il narcotraffico

.

Camorra, arrestato il ''direttorio'' dei Di Lauro
21/12/2010, 15:12

NAPOLI - I carabinieri del nucleo Investigativo e del Ros di Napoli hanno sottoposto a fermo otto personaggi di spicco del clan camorristico dei Di Lauro, attivo nell´area Nord del capoluogo campano ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, detenzione, spaccio e traffico di stupefacenti e detenzione e porto abusivo di armi da fuoco aggravati dal metodo mafioso. Con il blitz, frutto di indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, è stato portato in carcere un vero e proprio 'direttorio' del clan cui era demandata la gestione sul territorio del traffico e dello spaccio di stupefacenti: le otto persone che gestivano le 'piazze' di spaccio nel quartiere di Secondigliano di cocaina, kobrett, hashish e marijuana nelle quali confluivano acquirenti da tutte le regione d´Italia.


Le indagini hanno permesso di identificare l'attuale direttivo del clan Di Lauro, decimato negli ultimi anni da pesanti arresti e sfiancato dalla faida con gli Scissionisti. Il gruppo finito in manette, secondo gli inquirenti, gestiva insieme al latitante Marco Di Lauro le piazze di spaccio nell'area ancora sotto l'influenza del clan. Tra gli arrestati figura anche Antonio Di Lauro, un altro dei figli dello storico capoclan, Paolo Di Lauro alias Ciruzzo 'o milionario.

Il giro d'affari dei Di Lauro basato sul narcotraffico era emerso in una precedente operazione, quando i militari dell'Arma, nell'ambito di un sequestro ai danni di Angelo Zimbetti, fecero chiarezza sul "bilancio" del clan: 800mila euro mensili.

Di seguito, i destinatari del decreto di fermo:
Antonio Di Lauro, del 1991, Vincenzo D'Avanzo, del 1989, Antonello Faiello, del 1981, Antonio Lucarelli, del 1980, Massimo Rossi, del 1979, Nunzio Talotti, del 1979, Daniele Tarantino, del 1976, e Gennaro Vizzaccaro, del 1976.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©