Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Il caso di Luigi Cimmino, a capo di un clan del Vomero

Camorra: boss con pensione di invalidità, atti in Procura


Camorra: boss con pensione di invalidità, atti in Procura
14/03/2010, 10:03

NAPOLI – Luigi Cimmino, a capo del clan di camorra attivo nel quartiere Vomero, a Napoli, non è capace di badare a sé stesso ed è quindi titolare di una pensione di invalidità con relativo assegno di accompagnamento. Questo è quanto risulta sulla carta, secondo quanto riferito dal quotidiano “Il Mattino”. Sulla vicenda ora indagano gli investigatori. Nel febbraio scorso gli atti relativi sono stati trasmessi per accertamenti alla Procura della Repubblica dal tribunale di sorveglianza che doveva notificare un atto a Cimmino. Si è così scoperto che l’uomo ha un tutore. Cimmino era il vero obiettivo dell’agguato che, nel 1996, costò la vita a Silvia Ruotolo, una donna che era a passeggio con i figli.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©