Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Camorra. Decapitato il clan PERRECA di Recale (CE)


Camorra. Decapitato il clan PERRECA di Recale (CE)
27/06/2012, 08:06

Lotta senza quartiere della squadra mobile di Caserta contro la criminalità organizzata. Questa notte, ad epilogo di minuziose indagini da parte della Squadra Mobile di Caserta, coordinata dalla Procura Antimafia di Napoli, in esecuzione di un decreto di fermo del P.M., emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia per tentata estorsione, aggravata dal metodo mafioso e dal fine di agevolare l’organizzazione camorrista denominata clan PERRECA, detti I ROMANI, attiva nel comprensorio di Recale (CE) e comuni limitrofi, sono stati arrestati: PERRECA Giovanni, pregiudicato, sorvegliato speciale della P.S.; MASTROIANNI Antimo, pregiudicato, sorvegliato speciale della P.S.; D’ARIA Silverio, pregiudicato; VITTORIO Roberto, pregiudicato.

La misura precautelare è frutto di una persistente ed incalzante attività investigativa condotta dalla Squadra Mobile di Caserta, sotto l’egida della D.D.A. partenopea, nei confronti delle organizzazioni camorriste attive nel comprensorio di Caserta, Marcianise e comuni limitrofi.

Infatti, dopo l’operazione Mangusta, che nel dicembre scorso aveva disarticolato il clan MENDITTI, federato all’organizzazione dei BELFORTE di Marcianise (CE), con l’arresto, per estorsione aggravata, reati in materia di armi e stupefacenti, di 11 esponenti di tale consorteria, tra i quali i germani Alessandro, Andrea e Fabrizio MENDITTI, la Squadra Mobile di Caserta aveva registrato una immediata ripresa di attività estorsive da parte di emissari del clan PERRECA, gruppo che contendeva proprio ai MENDITTI il controllo delle attività criminali nel comprensorio di Recale (CE), alleato ai PICCOLO Quaqquaroni di Marcianise (CE).

In particolare, l’incessante monitoraggio delle consorterie criminali attive nella provincia, aveva permesso di appurare che, MASTROIANNI Antimo, cognato di PERRECA Giovanni, attuale reggente dell’omonimo clan, egli stesso elemento di spicco dell’organizzazione, pochi giorni dopo l’arresto dei MENDITTI, aveva richiesto ed ottenuto l’autorizzazione a trasferire da Roma a Recale (CE) il luogo ove proseguire la misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno a cui era stato sottoposto. Dopo pochi mesi, nel maggio scorso, PERRECA Giovanni, sino ad allora domiciliato a Rignano Flaminio (RM), anch’egli sorvegliato speciale della P.S. con obbligo di soggiorno nel paese laziale, otteneva analogo beneficio, ristabilendosi nuovamente nel comune di origine.

La contestuale presenza dei due pregiudicati nel comprensorio recalese coincideva con una immediata ripresa delle attività estorsive in danno di alcuni cantieri ed imprenditori edili da parte degli emissari del clan che, evidentemente, avevano immediatamente soppiantato, nel controllo delle attività criminali, gli antagonisti MENDITTI.

Tale circostanza, immediatamente rilevata dagli investigatori della Squadra Mobile, dava impulso, d’intesa con la Procura Antimafia di Napoli, ad una nuova attività investigativa, supportata da servizi di intercettazione e prolungate attività di pedinamento ed osservazione, che consentivano di riscontrare almeno due tentativi di estorsione in danno di altrettanti imprenditori, che avevano allestito cantieri proprio a Recale (CE).

L’attività investigativa risultava tanto efficace e penetrante da consentire di ricostruire il modus operandi del gruppo camorrista: gli emissari del clan, uno dei quali, VITTORIO Roberto, piccolo pregiudicato, originario dell’avellinese, quindi sconosciuto in questo comprensorio, avvicinavano le vittime, anche contattandoli presso i loro uffici, avvisandoli “che quelli di Recale li cercavano”. Poi, i servizi di pedinamento permettevano di accertare che gli imprenditori venivano convocati in un luogo prestabilito, solitamente la Torre di Recale (CE), dove erano prelevati dagli emissari di PERRECA Giovanni e MASTROIANNI Antimo e accompagnati al loro cospetto, dimostrando così il pieno e diretto coinvolgimento di questi ultimi nelle attività estorsive rilevate, nonostante le prescrizioni ed i controlli imposti dalla misura della sorveglianza speciale a cui entrambi continuavano ad essere erano soggetti. In una circostanza, a confermare la capillare e diffusa attività estorsiva svolta dal clan, gli emissari dell’organizzazione accompagnavano dai capiclan un imprenditore diverso da quello con cui avevano già prestabilito l’appuntamento per il pagamento di una tangente.

Peraltro, PERRECA Giovanni, a garanzia dei servigi e della protezione che l’organizzazione poteva assicurare ad un imprenditore, vittima di una richiesta estorsiva, sottolineava come il suo clan avesse ormai assunto il comando nella zona, perché “i marcianisani”, alludendo al clan BELFORTE, erano ormai scomparsi, debellati da condanne, arresti e pentimenti, mentre la propria organizzazione era tanto affidabile che nessuno degli affiliati in carcere si era pentito, nonostante le pesanti condanne. Quindi, sulla scorta di tali inequivocabili risultanze investigative, la Procura Antimafia di Napoli, rilevando la sussistenza di un grave quadro indiziario e di un fondato e reale pericolo di fuga, determinato anche dalla pericolosità e dalla personalità criminale dei citati indagati, ed in particolare di PERRECA Giovanni e MASTROIANNI Antimo, emetteva il decreto di fermo eseguito questa notte dalla Squadra Mobile.

PERRECA Giovanni, annoverava numerosi precedenti per 416 bis, estorsione, armi, evasione e violazione delle prescrizioni relative alla sorveglianza speciale, recentemente aveva terminato di scontare una condanna per omicidio, per la quale, nel 2010, era stato ammesso alla misura alternativa dell’affidamento in prova ai servizi sociali. Lo stesso è fratello di Antimo, cl. ’57, capo storico dell’organizzazione, attualmente detenuto in regime di 41 bis, condannato anch’egli per omicidio e più volte arrestato per estorsione, associazione mafiosa, evasione ed altri reati associativi.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©