Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Don Ciotti: "La Chiesa respinga le ambiguità"

Camorra, lenzuola bianche contro i Casalesi


Camorra, lenzuola bianche contro i Casalesi
19/03/2009, 13:03


Applausi e lenzuola bianche ai balconi: è così che Casal di Principe ha accolto il corteo organizzato in memoria di Don Peppe Diana, il prete ucciso dalla camorra il 19 marzo di 15 anni fa. In strada migliaia di cittadini insieme al padre di Don Peppe, Gennaro Diana, a don Luigi Ciotti dell'Associazione Libera contro le mafie e il sindaco di Casal di Principe, Cipriano Cristiano.

A Casal di Principe don Luigi Ciotti chiede risposte a tutti: alla gente, alla politica ma anche alla stessa Chiesa che, in merito alla lotta alla criminalità organizzata "deve parlar chiaro, non deve fare sconti". Don Ciotti chiede "meno parole e più fatti" e chiama in causa anche il mondo della Chiesa. "Serve una linea di fermezza - ha detto - bisogna ribadire sempre l'incompatibilità tra l'azione criminale e il Vangelo". "Fuori dalla chiesa - urla dal palco don Ciotti - uomini e donne di mafia. E' incredibile che al matrimonio di Totò Riina c'erano tre preti che celebravano la messa". Quindi l'appello finale: "La Chiesa, tutta la Chiesa respinga le ambiguità".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©