Camorra, scacco al clan Moccia: 45 arresti tra Napoli e Roma - JulieNews - 1

Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Camorra, scacco al clan Moccia: 45 arresti tra Napoli e Roma


.

Camorra, scacco al clan Moccia: 45 arresti tra Napoli e Roma
23/01/2018, 10:27

Estorsioni e appalti, il regno del clan Moccia, questa mattina, è stato smantellato. 45 persone sono state arrestate tra Napoli e Roma e sono accusate, a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa, detenzione di armi comuni e da guerra, episodi di estorsione aggravata, riciclaggio di ingenti somme di denaro.
Le indagini, coordinate dalla Dda di Napoli assieme agli agenti della Squadra Mobile, ai carabinieri di Castello di Cisterna e della Guardia di Finanza, hanno portato alla luce anche i profondi contrasti esistenti tra alcuni dei cosiddetti “senatori” del clan, che avrebbero ricevuto ordini dall’alto e dominato sui territori di Afragola, Casoria, Arzano, Frattamaggiore, Frattaminore, Cardito, Crispano e Caivano, Acerra. Un dominio che si sarebbe esteso anche nel Lazio. Al vertice del gruppo ci sarebbero stati Luigi e Teresa Moccia, Filippo Iazzetta, e Anna Mazza, la "vedova della camorra", morta negli anni scorsi. Un'organizzazione ramificata e diversificata dove non sarebbero mancati contrasti e gelosie. Come quelle nutrite nei confronti di Modestino Pellino, sorvegliato speciale domiciliato a Nettuno e assassinato a Roma il 24 luglio del 2012, che sarebbe diventato un boss di fatto, scavalcando i senatori.
Le indagini, basate anche su dichiarazioni di collaboratori di giustizia e intercettazioni di colloqui in carcere, hanno portato al sequestro di manoscritti con cui i detenuti del clan comunicavano con l'esterno.

Commenta Stampa
di Fabiana Zollo
Riproduzione riservata ©