Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Camorra, sequestrati beni a clan Mazzarella


Camorra, sequestrati beni a clan Mazzarella
20/01/2010, 08:01


NAPOLI - Nell’ambito di complessa attività di indagine di natura patrimoniale, tesa all’aggressione dei patrimoni di mafia, gli Agenti della Divisione Anticrimine, Sezione Misure di Prevenzione Patrimoniali della Questura di Napoli, in collaborazione con il Commissariato Vasto Arenaccia, che ha contribuito anche alle relativa attività d’indagine, ha dato esecuzione ai decreti di sequestro nei confronti di MAZZARELLA Franco, nato a Napoli il 06/12/1961, figura apicale dell’organizzazione camorristica denominata Mazzarella e di MUSCERINO Antonio, nato a Napoli il 15.04.1970, contiguo al clan camorristico Contini, attivo nei quartieri napoletani Vasto-Arenaccia.
Giova evidenziare che le complesse attività di indagine patrimoniale hanno consentito di sferrare un‘energica e contestuale azione di contrasto all’accumulo dei patrimoni di mafia in un ampia area cittadina, per un valore complessivo finale di circa 900 mila euro.

In particolare, ieri 19 gennaio si è proceduto nei confronti di Mazzarella Franco, nei confronti del quale il Tribunale di Napoli– Sezione per l’applicazione Misure di Prevenzione – (Presidente relatore Dr. Francesco MENDITTO, Giudici Dr.ssa Paola FAILLACE e Dr. Michele MAZZEO) disponeva il sequestro di:
• Totalità dei beni aziendali strumentali dell’impresa individuale di Laperuta Olga, moglie del proposto, ubicata in Napoli alla via Botteghelle nr.4/6 avente ad oggetto la produzione di ceramiche.

Il MAZZARELLA annovera molteplici pregiudizi penali per associazione per delinquere di tipo mafioso, contrabbando, violazione della normativa sugli stupefacenti, usura, estorsione, resistenza e lesioni a P.U., gioco d’azzardo ed altro.
Lo stesso è stato più volte colpito negli anni, già a partire dal 2002, da numerose ordinanze di custodia cautelare per essere ritenuto, tra l’altro, indiziato di appartenere ad associazione camorristica facente capo alla omonima famiglia MAZZARELLA, in quanto figlio del capo clan MAZZARELLA Ciro alias “o scellone”.
Più recentemente il 14.09.2006 MAZZARELLA Franco veniva tratto in arresto in esecuzione dell’OCCC emessa dal GIP del Tribunale di Pistoia l’8.09.2006 per i reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di reati di usura ed estorsione e relativi reati, commessi ai danni di numerose persone, in Toscana, Liguria e Campania.

In data odierna è invece in corso l’esecuzione nei confronti di MUSCERINO ANTONIO, disposta dal predetto Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione – con sono stati posti sotto sequestro di :
• 2 appartamenti intestati al prevenuto ed ai suoi congiunti, ubicati a Napoli, nei pressi della stazione centrale.

Il MUSCERINO annovera precedenti per ricettazione, violazione sulla normativa delle armi aggravata dall’art.7 D.P.R., associazione per delinquere finalizzata alle scommesse clandestine, violazione sulla normativa degli stupefacenti ed altro. Peraltro il Muscerino risulta assiduo frequentatore di personaggi di spicco legati al Clan Contini, alcuni dei quali attualmente ristretti in carcere e sottoposti al regime del 41 bis O.P.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©