Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CAMORRA, SETOLA FORSE GIA' OGGI IN CARCERE DI MASSIMA SICUREZZA


.

CAMORRA, SETOLA FORSE GIA' OGGI IN CARCERE DI MASSIMA SICUREZZA
16/01/2009, 14:01

Il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha disposto per il boss dei Casalesi Giuseppe Setola, arrestato due giorni fa, la detenzione in regime di 14 bis, che prevede norme più rigide del 41 bis. Il trasferimento del capo dell'ala "stragista" dei Casalesi in una struttura di massima sicurezza potrebbe avvenire già nelle prossime ore. Setola ha trascorso i primi giorni di detenzione nel carcere di S. Maria Capua Vetere (Caserta), dove stamani gli sono state notificate le varie ordinanze di custodia cautelare legate ai reati di cui è accusato - 18 omicidi solo a partire dal maggio scorso - tra cui la strage degli immigrati ghanesi avvenuta nel settembre scorso a Castelvolturno. Non sarebbe stato ancora fissato il suo primo interrogatorio da parte dei PM della Dda di Napoli: l'ipotesi è che il faccia a faccia con gli inquirenti avvenga non prima della prossima settimana. Setola è già stato condannato all'ergastolo per l'omicidio di Genovese Pagliuca, ucciso a Teverola (Caserta) nel 1995 per essersi ribellato alle violenze subite dalla fidanzata da parte di Angela Barra, amante di Francesco Bidognetti: un episodio che Roberto Saviano, l'autore di "Gomorra", definisce "una delle vicende più buie e violente della camorra casalese". La fidanzata di Pagliuca fu sequestrata e violentata per 13 giorni, come punizione per aver rifiutato una relazione con la Barra: il giovane, che stava cercando di trovare il nascondiglio dove la ragazza veniva tenuta prigioniera e seviziata, venne poi ammazzato per ordine del clan. A quell'epoca Setola aveva 25 anni.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©