Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Notificate tre ordinanze di custodia cautelare in carcere

Camorra, smantellata banda dei casalesi


Camorra, smantellata banda dei casalesi
01/04/2009, 09:04

La Direzione Investigativa Antimafia di Napoli e i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, hanno notificato in carcere n.3 Ordinanze di custodia cautelare, emesse dal GIP di Napoli, Dr.ssa Maria Gabriella Pepe su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia che ha coordinato l’intera attività investigativa, nei confronti di:
- CIRILLO Vincenzo, di anni 31, abitante a Castelvolturno, pregiudicato;
- CECORO Raffaele, di anni 23 anni, pregiudicato;
- BIANCO Alfonso, di anni 38, abitante a Castelvolturno, pregiudicato.
tutti già sottoposti in stato di Fermo a seguito della capillare attività investigativa effettuata nel territorio di Castelvolturno, litorale Domitio.

L’operazione ha portato alla disarticolazione della compagine camorristica capeggiata dal latitante LETIZIA Franco (destinatario insieme agli altri del provvedimento restrittivo), designato quale erede naturale di SETOLA Giuseppe nella direzione del clan BIDOGNETTI.
Tra gli arrestati figura CIRILLO Vincenzo, fratello di Alessandro alias ‘o sergente fedelissimo del SETOLA, che è subentrato al fratello nell’imposizione del racket delle estorsioni sul litorale domiziano.
Agli arrestati sono stati contestati reati che vanno dall’associazione a delinquere di stampo mafiosa al concorso aggravato dal metodo mafioso in numerose estorsioni.

Il GIP ha provveduto a confermare anche il sequestro di autovetture già disposto d’urgenza dalla DDA Napoli nonché le contestazioni, nei confronti di Cecoro Giovanna e Di Caprio Adele, dell’art. 12 quinques L.356/92 per avere, in concorso fra loro, fittiziamente attribuito la proprietà di due autovetture ad altri che accettava con la consapevolezza di eludere le disposizioni in materia di misure di prevenzione patrimoniali, al fine di agevolare il sodalizio camorristico denominato clan dei casalesi, fazione BIDOGNETTI.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©