Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

CAMORRA, VENTI ARRESTI NELL'AVELLINESE


CAMORRA, VENTI ARRESTI NELL'AVELLINESE
05/05/2008, 09:05

Nell’operazione svoltasi ieri notte, per la quale sono stati impiegati trecento carabinieri del comando provinciale di Avellino, unità cinofile e un elicottero, sono scattate le manette per venti tra capi e affiliati di primissimo piano del clan Graziano di Quindici, attivo nella provincia di Avellino, con le accuse di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata alle estorsioni, porto e detenzione illegale di armi, truffa aggravata ai danni dello Stato e di avere inoltre condizionato il voto elettorale in occasione delle amministrative per il rinnovo del consiglio comunale del 2005 nel piccolo centro del Valle di Lauro, tristemente ricordato per un tragico episodio della faida che da decenni vede opporsi i Graziano al clan Cava. L’operazione è scaturita da una serie di indagini partite da una serie di estorsioni ai danni di imprenditori della provincia di Avellino e di Salerno che lo scorso anno portarono all’arresto del capoclan Felice Graziano, detto “Felicione”, e di altri cinque affiliati.

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©