Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

Rischio dipendenza da zuccheri al pari di alcool e tabacco:

Campagna “shock” contro lo zucchero


Campagna “shock” contro lo zucchero
07/02/2012, 20:02

Cresce l’allarme per l’abuso di zucchero. Secondo alcuni ricercatori americani è ora di controllarne il crescente uso come per l’alcool e per il tabacco. Una recente stima fissa infatti in 35 milioni i morti in un anno, dovuti al contributo dell’eccesso di zucchero, in malattie come il diabete, il cancro e patologie cardiache. Ed è campagna shock contro cibi grassi e bevande gassate a New York. Il sindaco statunitense ha intrapreso una dura e lunga battaglia contro le bevande zuccherate con cartelloni dal titolo “ non bere fino a diventare grasso ”. Ma vediamo in Italia cosa succede. Abbiamo interpellato il dott. Luigi Pappalardo, noto diabetologo, il quale afferma “ Per fortuna, la quantità media di zucchero consumata abitualmente nel nostro paese è inferiore agli U.S.A. Negli Stati Uniti infatti, il ripetuto consumo di “soft drinks” comporta l’assunzione di quantità esagerate di zucchero”. Tuttavia – chiosa il dott. Pappalardo - poiché nel nostro paese l’obesità, anche infantile, e il diabete mellito sono in forte aumento è bene sensibilizzare sulla opportunità di ridurre il consumo di zuccheri semplici, in particolare dolciumi e bevande gassate zuccherate. Occorre, quindi, promuovere il consumo di verdure e legumi.
 

Commenta Stampa
di Marina Ciaravolo
Riproduzione riservata ©