Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Campania: firmato l'accordo sulla salute nelle carceri


.

Campania: firmato l'accordo sulla salute nelle carceri
28/12/2009, 14:12

NAPOLI - Il passaggio troppo repentino della gestione dell'assistenza sanitaria nelle carceri dal Ministero della Giustizia a quello della Salute ha cagionato non poche difficoltà: in Campania si correrà ai ripari grazie ad un accordo programmatico "sulla salute nelle carceri", siglato questa mattina a Palazzo Santa Lucia dall'assessore alla Sanità Mario Santangelo, dal provveditore dell'amministrazione penitenziaria regionale Tommaso Contestabile e dal dirigente regionale della Giustizia minorile, Sandro Forlani. Il problema più urgente riguarda il sovraffollamento delle strutture penitenziarie rispetto alla loro capacità ricettiva: a seguire, la carenza di strutture che garantiscano ai detenuti l'assistenza in ambito psichiatrico, strumenti utili ad evitare gesti come il suicidio: sono 70 quelli compiuti nell'ultimo anno e 864 i tentativi non riusciti secondo i dati forniti dalla UIL PA Penitenziari. "Quest'anno - spiega Eugenio Sarno, segretario generale del sindacato - sarà ricordato come un anno sabbatico. E non solo per il record di presenze detentive mai toccato, ma per una incredibile serie di suicidi, proteste, violenze ed evasioni. Oltre "al sovrappopolamento (65.736 detenuti presenti a fronte di una capienza max di 43.480) - continua - si debbono aggiungere le gravi deficienze organiche del personale di polizia penitenziaria (- 5.000 unità) e del personale addetto alle aree trattamentali e socio - pedagogiche (- 900 unità)."
L'accordo di programma siglato oggi in Regione prevede anche il progetto per la ricostruzione delle due principali strutture penitenziarie partenopee: il carcere di Poggioreale e quello di Secondigliano.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©