Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bersani: "L'Italia non può diventare periferia di Detroit"

Camusso: "Fiat negli Usa? Il governo convochi Marchionne"


Camusso: 'Fiat negli Usa? Il governo convochi Marchionne'
05/02/2011, 15:02

MILANO - Resta ancora molta rabbia per le ultime dichiarazioni dell'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, su un possibile assorbimento della Fiat ad opera della Chrysler. Ma la cosa sembra a malapena toccare il segretario della Cgil, Susanna Camusso, la quale oggi è al Palasharp di Milano, per la manifestazione organizzata contro il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi, da Libertà e Giustizia. Intyervistata dai giornalisti, la Camusso ha detto: "E' tempo che diciamo che bisogna fare una discussione di politica industriale e che il governo doveva chiedere delle garanzie a Fiat. Perché l'operazione ci pareva fosse il trasferimento negli Usa: mi pare che questa dichiarazione confermi tutte le preoccupazioni che avevamo. Non possiamo che continuare a chiedere che il governo faccia una volta tanto il suo mestiere" e cioè convocare Marchionne ed ottenere precise assicurazioni sul mantenimento degli standard occupazionali.
Sulla stessa falsariga anche il segretario del Pd Pierluigi Bersani: "Sono stato ministro anche io. Io chiamerei Marchionne e gli direi: 'dopo averci spiegato come si organizzano i turni e le pause, vuoi dirci cosa succede sulle prospettive con la Chrysler?'. Non vorrei che per i 150 anni dell'unità d'Italia, il regalo per Torino e l'Italia sia quello di diventare la periferia di Detroit. Perché noi non siamo mica d'accordo. Vogliamo risposte sugli investimenti".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©