Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Contro escalation terroristica e obbiettivi sensibili

Cancellieri: esercito per difendere Finmeccanica ed Equitalia


Cancellieri: esercito per difendere Finmeccanica ed Equitalia
13/05/2012, 11:05

ROMA - Dopo gli episodi di cronaca che nei giorni scorsi hanno interessato il nostro paese, in particolar modo l’attentato a Roberto Adinolfi,  l'Ad di Ansaldo Nucleare, ma anche altri casi , quali le tensione che si è creata intorno ad Equitalia,  il movimento no TAV ecc. ecc., il ministro Anna Maria Cancellieri (nella foto) , lancia l’allarme  rischio  e dice: "Il rischio escalation esiste, è una situazione che richiede molto rigore. Molta attenzione, bisogna lavorare"
Il ministro ha parlato, ieri,  dal  Salone del Libro di Torino dove ha partecipato a un incontro su Falcone e Borsellino. "La rivendicazione del Fai è attendibile (in merito all’attentato Adinolfi n.d.r.).  Almeno abbiamo individuato la matrice e adesso bisogna lavorare"
Ma oggi, il titolare del Viminale, torna sulla questione non escludendo  il ricorso ai soldati per proteggere obiettivi a rischio terrorismo come Finmeccanica o Equitalia.
La Cancellieri  in una intervista a “La Repubblica” spiega che “è una delle possibilità che stiamo studiando”. “Del resto – ha detto  il ministro - è già stato fatto in passato. Il personale a nostra disposizione è limitato e anche per questo il ricorso all'Esercito è una possibile soluzione”.
“Riteniamo – ha continuato  Cancellieri - che il consenso sia ristretto a un'area numericamente limitata e che la gran parte degli italiani consideri aberrante ciò che è accaduto”.
I nuovi terroristi sono “nuove leve di giovani che hanno un rapporto lontano con gli annì70. Bisogna evitare l'errore di leggere quel che succede oggi con gli occhiali di allora”. Per il ministro dell'Interno “la rivendicazione è attendibile, nuovi attacchi sono possibili, quindi dobbiamo alzare la guardia”.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©