Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La droga veniva utilizzata al posto dei farmaci antispastici

Cannabis per curarsi. Assolta una malata di sclerosi


Cannabis per curarsi. Assolta una malata di sclerosi
07/04/2011, 11:04

Aveva praticamente trasformato il suo terrazzo sul Canal Grande, a Venezia, in una serra per coltivare cannabis. Ma lo aveva fatto per nobili fini, o meglio per fini terapeutici, essendo malata da 30 anni di sclerosi multipla. Proprio la tesi della sclerosi multipla è stata utilizzata come difesa da una signora sessantenne, da tempo costretta su una sedia rotelle. Il risultato è che il pm, Giorgio Gava, e il giudice, Giuliana Galasso, accogliendo tale tesi, hanno disposto l’archiviazione dell’indagine. Secondo il legale della donna, Elisabetta Alfonso, presidente dell’Associazione italiana sclerosi multipla di Venezia, l’uso della marijuana si giustifica con le particolarissime condizioni fisiche dell’indagata e la modesta entità della coltivazione, funzionale al consumo personale e terapeutico. La droga, sostiene infatti il legale, come riporta ‘La Nuova Venezia’, veniva utilizzata al posto dei farmaci antispastici, per evitarne i gravi effetti collaterali. A far scattare l’indagine era stata la denuncia di un vicino di casa, che aveva notato le piante in bella mostra in terrazza. Nel corso di una perquisizione nell’abitazione della donna, i Carabinieri avevano sequestrato 42 piantine e una piccola scatola contenente 20 grammi di erba già essiccata e pronta per l’uso.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©