Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Immediata la protesta di Rete Imprese Italia

Canone Rai per pc e tablet: vale solo per le aziende

L'Idv Lannutti: "Disposti ad andare davanti al Tribunale"

Canone Rai per pc e tablet: vale solo per le aziende
22/02/2012, 09:02

ROMA - Ieri, la decisione della Rai di tassare pc e tablet aveva allarmato molti, ma in serata da viale Mazzini è arrivato un comunicato che precisava: “La Rai non ha mai richiesto il pagamento del canone per il mero possesso di un personal computer”. Nessuna tassa, quindi, per chi possiede un pc collegato alla rete, un tablet o uno smartphone. “La lettera inviata dalla Direzione Abbonamenti Rai – prosegue il comunicato – non si riferisce al canone ordinario, relativo alla detenzione dell’apparecchio da parte delle famiglie, ma si riferisce specificamente al cosiddetto canone speciale dovuto nel caso in cui i computer siano utilizzati come televisori, fermo restando che il canone speciale non va corrisposto nel caso in cui tali imprese, società ed enti abbiano già provveduto al pagamento per il possesso di uno o più televisori”.
In totale ammonterà quasi a un miliardo di euro la cifra che le imprese italiane dovranno sborsare per il canone speciale. Naturalmente sono escluse le famiglie dal canone speciale, che riguarda solo imprese, società e uffici che utilizzano una qualsiasi apparecchiatura tecnologica alla stregua di un televisore. Si tratta di quasi 5 milioni di aziende per un totale di 980 milioni di euro di canone. Chi non paga sarà soggetto a pesanti sanzioni da parte degli organi di vigilanza. I controlli potranno essere effettuati direttamente dalla Rai o dall’Agenzia delle Entrate e dalla Guardia di Finanza.
Tra un paio di mesi, tutti questi soggetti potranno entrare nelle aziende per effettuare le verifiche. “Nelle prossime ore presenteremo un’interrogazione parlamentare contro questo balzello assurdo – ha dichiarato il presidente dell’Associazione in difesa dei consumatori e utenti bancari, finanziari e assicurativi (Adusbef) e senatore Idv Elio Lannutti –. Scateneremo il finimondo contro questa misura assurda. Siamo disposti ad andare davanti al Tribunale. Porteremo la questione all’attenzione della Corte Costituzionale e, se non basta, anche alla Corte europea. Non è ammissibile, infatti, che qualunque apparecchio elettronico possa essere sottoposto al pagamento”. La protesta arriva anche da Rete Imprese Italia che ha dichiarato: “Quella del canone speciale Rai è una richiesta assurda perché vengono tassati strumenti come i computer che gli imprenditori utilizzano per lavorare e non certo per guardare i programmi Rai”. Rete Imprese Italia ha chiesto l’intervento del governo e del Parlamento per esonerare le aziende dal pagamento del canone tv.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©