Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Spilla, tacco alto: tutto obbligatorio per le commesse

Caos alla Rinascente, troppe iniziative sessiste ed umilianti


Caos alla Rinascente, troppe iniziative sessiste ed umilianti
18/04/2012, 13:04

MILANO - Cosa faremmo se, entrando in un negozio, venissimo accolti da una bella ragazza con tacchi alti, minigonna e con due spille sulla maglietta, con scritto "Averla è facile, chiedimi come" e "Tvtb" (nel linguaggio abbreviato degli SMS o di Twitter significa "ti voglio tanto bene")? In questi casi, alla maggior parte degli uomini almeno una battuta a sfondo sessuale scappa quasi per forza.
E' quello che sono costrette a vivere le commesse della Rinascente, che hanno avuto precise istruzioni su come vestirsi. Sono tutte con la divisa con gonna corta, tacchi alti, capelli tirati su e foulard fucsia; inoltre hanno una spilla, sempre fucsia (giusto per non dare nell'occhio) con la scritta "tvtb". Questa è stata la decisione dell'azienda per "la settimana del trucco", in cui si offrono ai clienti consulenze sul trucco, sull'aspetto, sul nodo della cravatta, ecc. A questo si aggiunge l'altra spilla, pensata per la "Rinascentecard", con lo slogan - molto allusivo - "Averla è facile, chiedi come".
Certo, tutto regolare. Ma una situazione che mette parecchio a disagio le addette alla vendita, che più di tanto non possono protestare. Sanno che in un momento come questo, rischiano di ritrovarsi facilmente in mezzo ad una strada. E sia ben chiara una cosa: la protesta non è contro l'azienda, ma contro l'insieme delle cose, che costringono le commesse a presentare anche se stesse come se fossero in vendita.
Sulla vicenda si sta muovendo anche la politica, oltre ai sindacati: dal segretario generale della Cisl Raffaele Buonanni al senatore del Pd Achille Passoni, è un coro di critiche per l'iniziativa della Rinascente. Ma è anche un segno di come la società italiana sia così degradata da poter ritenere che sia lecito fare qualsiasi cosa per vendere prodotti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©