Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Palmieri: "In giancenza 1500 pratiche di concessioni"

Caos cimiteri a Napoli, chiesta interrogazione urgente


Caos cimiteri a Napoli, chiesta interrogazione urgente
29/02/2012, 20:02

NAPOLI - Dopo le indagini sui cimiteri degli ultimi giorni in cui la Guardia di Finanza ha riscontrato alcune irregolarità, addirittura si parla di truffa ai danni del Comune di Napoli, l’Atduc (Associazione di tutela dei diritti degli utenti cimiteriali), ha chiesto di mantenere la norma che prevede la cedibilità dei suoli tra privati. Intanto sulla questione è intervenuto con un’interrogazione al servizio funebri cimiteri in sede di consiglio comunale, il consigliere di Liberi per il Sud, Domenico Palmieri. “Sono venuto a conoscenza dei fatti tramite la stampa cittadina e ho preso visione della così detta "Class Action" – si legge dalla nota -, ovvero l'Atto di diffida portato avanti dallo studio legale Rubinacci nei confronti dell'Amminstrazione Comunale, teso ad adempiere il recupero dell'efficienza ed efficacia dell'azione amministrativa del Comune di Napoli e il risarcimento dei danni scaturiti ai cittadini ed agli operatori cimiteriali e considerato il vecchio regolamento del 1995, che prevedeva, la possibilità di alienazione a terzi del manufatto funebre con il pagamento della relativa Sub-Concessione mentre il nuovo regolamento non prevede più questa possibilità con l’auspicio che il Comune rientrasse in possesso di questi manufatti e potesse far cassa rivendendoli". Il consigliere di Liberi per il Sud ha poi aggiunto:  "Il nuovo regolamento prevede nell'art 14 che la cremazione delle salme sia un servizio gratuito al pari della inumazione in campi comuni, ma il Comune di Napoli non ha ancora realizzato l'inceneritore per la cremazione delle salme nel nostro territorio, e i cittadini sono costretti a farsi carico delle spese di trasporto e cremazione, penso sia basilare chiedere all'Amministrazione di accelerare i tempi per la realizzazione dell'inceneritore".
Domenico Palmieri ha dichiarato di appoggiare pienamente la modifica  al “Regolamento di polizia mortuaria e dei servizi funebri e cimiteriali” proposta il 28 ottobre 2011, dal cons. Andrea Santoro, la quale norma rende possibile la cessione a terzi solo con previa autorizzazione del Comune. "Prendendo in considerazione, che sono in giacenza da notevole tempo circa 1.500/1.600 pratiche di concessione e sub-concessioni non riscosse che porterebbero nelle casse comunali dai 5.000,00/6.000,00 euro circa, credo sia opportuno procedere con speditezza all'approvazione della proposta di modifica". "Reputo valida e risolutiva la proposta, non vi è alcun rischio di speculazione commerciale", ha sottolineato ancora Palmieri, "dato che, il subentrante pagherà eventualmente al cedente soltanto il valore reale del manufatto, valore che verrà indicato nell'atto di voltura e che verrà sottoposto a verifica di congruità da parte del Comune di Napoli”. La concessione oggetto di voltura non può essere ceduta prima di dieci anni. Anche se appurata dopo la registrazione della voltura, qualsiasi forma di speculazione o tentativo di lucro inerenti la cessione determineranno la revoca della concessione e la conseguente acquisizione dei manufatti. "Non capisco" ha concluso il consigliere "Come i diversi dirigenti nominati non abbiano ritenuto necessario dover risolvere in maniera celere l'annosa questione". 

Commenta Stampa
di Anna Carla Broegg
Riproduzione riservata ©