Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capaccio, scoperta discarica abusiva


Capaccio, scoperta discarica abusiva
31/03/2011, 13:03

I militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno, nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di Polizia Ambientale e controllo economico del territorio disposti dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, hanno sequestrato in località Santa Venere del Comune di Capaccio una discarica abusiva di 6.500 mq. circa, nella quale erano accatastate circa 500 tonnellate di rifiuti speciali.

Nella discarica, ubicata in zona sottoposta a vincolo paesaggistico, sono state rinvenute circa 400 carcasse di auto e centinaia di pezzi meccanici e di carrozzeria.

Il sito, posizionato al centro di uno svincolo stradale, era interessato anche da lavori abusivi per la realizzazione di due abitazioni civili, per complessivi mq. 150 circa.

I militari operanti hanno riscontrato una situazione di particolare degrado ambientale, atteso che il fondo, classificato come pascolo cespugliato, era stato contaminato anche da lubrificanti fuoriusciti dai rottami dei motori delle automobili.

L’area in questione era già stata sottoposta a misure cautelari reali, ma ciò non aveva impedito la prosecuzione dell’illegale attività che era continuata, tant’è vero che è stata accertata la presenza di almeno ulteriori 100 carcasse di auto rispetto al precedente sequestro.

L’utilizzatore del fondo, G.G. originario di Cicerale (SA) di anni 60 ed il figlio D.G. originario di Agropoli (SA) di anni 23 sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria, in concorso tra loro, per le violazioni in materia di illecito smaltimento dei rifiuti, abusivismo edilizio in zona sottoposta a vincolo paesaggistico e violazione dei sigilli.

All’operazione ha partecipato anche personale dell’Ufficio Tecnico del Comune di Capaccio che sta accertando la proprietà del fondo che rientra in un’area oggetto di opere infrastrutturali da parte della Provincia di Salerno.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©