Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capodanno. “ Maggiore chiarezza da parte degli Enti preposti “


Capodanno. “ Maggiore chiarezza da parte degli Enti preposti “
15/07/2011, 09:07

Stamani intorno alle 11,30 e per una mezzora circa la metropolitana collinare si è fermata, per l’improvvisa occupazione della stazione di piazza Vanvitelli, lasciando appiedati centinaia di utenti in un’ora di punta. “ L’episodio - puntualizza Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari – scaturisce dalla protesta dei lavoratori dell’indotto che vedono minacciata la loro posizione lavorativa dalla grave situazione di crisi delle aziende di trasporto pubblico locale, acuiti dai tagli nel settore, determinati dall’ultima finanziaria regionale “.



“ Sicuramente non si può assolutamente condividere un’iniziativa che, interrompendo un servizio fondamentale per i collegamenti su ferro, ha generato unicamente disagi alla cittadinanza - prosegue Capodanno -. Però va anche stigmatizzata la mancanza di chiarezza da parte degli Enti preposti, anche attraverso la messa in campo di un tavolo continuo di confronto, per esaminare le ragioni dei lavoratori interessati, cercando in un periodo di grave crisi occupazionale di evitare il più possibile licenziamenti che, purtroppo, rischiano di colpire le fasce più deboli “.



“ I manifestanti – continua Capodanno – in un volantino distribuito nell’occasione si dicono convinti che con la riduzione dei finanziamenti, saranno ridotte del 34% le risorse destinate ai contratti di fornitura dei servizi di pulizia, con il rischio che molti lavoratori vengano mandati a casa, mentre per quelli che restano, aumenterebbe il carico di lavoro “.



“ Ci auguriamo- conclude Capodanno - che sulla questione vogliano far sentire al più presto la loro voce il presidente della Giunta regionale della Campania ed il sindaco di Napoli, con iniziative tese ad evitare che episodi del genere, che si ripercuotono negativamente su servizi essenziali, come il trasporto pubblico, abbiano a ripetersi in futuro “.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©