Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Capri, recuperati 7 kg di datteri di mare: 2 denunce


Capri, recuperati 7 kg di datteri di mare: 2 denunce
30/07/2011, 12:07

Operazione dei carabinieri nei pressi dei celebri Faraglioni di Capri contro la pesca abusiva dei datteri di mare. Due persone sono state denunciate alla magistratura e sette chilogrammi di frutti di mare appena prelevati sono stati sequestrati così come tutta l'attrezzatura utilizzata per la pesca che provoca la distruzione della roccia e dei fondali. Il blitz è scattato ieri sera ad opera dei carabinieri del servizio navale. L'operazione, coordinata dal maresciallo Ferdinando Varriale, comandante del nucleo navale di Capri, ha visto l'intervento di militari in abiti civili su un gommone civetta e di personale in divisa a bordo della motovedetta cc627. I carabinieri, una volta localizzato il motoscafo con a bordo i pescatori di frodo, hanno intimato l'alt ai pescatori che erano in azione in prossimità di Villa Malaparte, a pochi metri dai Faraglioni. I pescatori, due fratelli di Castellammare di Stabia, V.V. e V.C., di 31 e 34 anni, già noti alle forze dell'ordine per precedenti specifici, sono stati fermati e condotti nel porto di Marina Grande per l'identificazione. Nei loro confronti è scattata una nuova denuncia per pesca abusiva che si somma ai precedenti deferimenti. Sotto sequestro è finita tutta l'attrezzatura, mute, pinne, bombole e martelli, che i due fratelli utilizzavano per l'attività illecita. La pesca di frodo del dattero di mare è espressamente vietata alla legge per i danni che arreca all'ecosistema. I datteri recuperati dai carabinieri, prelibati frutti di mare che vengono sempre più spesso venduti sul mercato nero, sono stati sequestrati e poi distrutti mediante affondamento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©