Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

A giudicare dal video, ha usato anche spray al peperoncino

Carabiniere punta la pistola su tifosi in festa



Carabiniere punta la pistola su tifosi in festa
29/06/2012, 17:06

C'è un video che sta facendo il giro di Internet. Non si capisce dove avvenga, anche se il tag del video indica Pistoia. Si vede un grosso gruppo di ragazzi con bandiere dell'Italia ed è evidente che stavano festeggiando (forse anche in maniera chiassosa, come succede sempre tra ragazzi) la vittoria dell'Italia ieri agli Europei contro la Germania. Ma si vede anche un Carabiniere che ha in mano la pistola e, secondo quanto è scritto nella didascalia del video, l'aveva puntata sui tifosi in festa, per fermare alcuni di loro che stavano in macchina.
Nel video si sentono cori contro i Carabinieri per quello che stanno facendo. E ad un certo punto un ragazzo fa l'errore di lanciare un po' d'acqua verso uno dei Carabinieri. Un gesto goliardico, magari con intenzioni negative, ma innocuo. Non la vede così il Carabiniere che ha individuato il lanciatore, lo insegue e lo butta per terra. I ragazzi individuano tra le mani del militare una boccetta di spray urticante al peperoncino (così dicono i ragazzi); e la cosa è probabile, dato che si vede il ragazzo che viene accompagnato via dal gruppo e si sente che sta tossendo (reazione normale, quando si riceve quello spray vicino al naso e alla bocca).
Questo è quanto è documentato dal video. Resta una domanda: che bisogno c'era di usare tanta violenza? Non è la prima volta che si vedono video dove carabinieri o poliziotti, davanti a gruppi di manifestanti pacifici estraggono le armi. Per carità: sono addestrati ad usarle e quindi si può sperare che non le usino. Ma è sicuro agire così? Se poi parte un colpo, ecco che spuntano i rapporti di "sfondamento di posto di blocco" e cose varie. Ma non sarebbe più semplice tenerle nelle fondine ed estrarle solo quando è veramente necessario?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©