Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Dieci denunce per pescatori del Golfo di Napoli

Carabinieri sequestrano 400Kg di frutti di mare


Carabinieri sequestrano 400Kg di frutti di mare
18/11/2010, 09:11

TORRE DEL GRECO - I Carabinieri del Servizio Navale di Torre del Greco, agli ordini del Comandante Luogotenente Vincenzo Amitrano e del Capitano dei carabinieri Pierluigi Buonomo, hanno eseguito un’importante operazione di Polizia marittima finalizzata a contrastare l’illegalità diffusa anche sul mare per evitare la diffusione di gravi malattie infettive. 
In seguito all’operazione di controllo del territorio marino e costiero dei comuni di Torre del Greco, Portici, Ercolano, San Giovanni, Torre Annunziata e Castellammare di Stabia  nel mirino dei Carabinieri è finita la più grande flottiglia di navi da pesca presente nel Golfo di Napoli. Le ispezioni in mare sono state intensificate nei confronti delle navi abilitate alla pesca a strascico, ritenuta da molti ambientalisti arma di distruzione di massa e  fonte di notevole impatto sull'ambiente marino. Le forze dell’ordine hanno posto a sequestro un totale di oltre 400 chilogrammi di frutti di mare della specie tartufi e vongole veraci  del valore commerciale di circa 12.000euro.  Dieci, invece, sono stati i provvedimenti disposti dai Carabinieri e convalidati dalle Procure di Torre Annunziata e Napoli per 10 pescatori fermati in flagranza di reato e deferiti all’Autorità Giudiziaria  per la pesca e la tentata vendita di prodotti ittici nocivi per la salute pubblica.  Un fenomeno, quello della pesca vietata, che è ancora notevolmente diffuso. I prodotti ittici nocivi sottoposti a sequestro sono stati distrutti mediante affondamento in alti fondali marini. Ma i controlli dei carabinieri del mare proseguiranno nelle prossime settimane. Quello che si avvicina al natale è infatti il periodo di maggiori reati per il settore ittico.

 

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©