Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È accaduto nella casa circondariale di Biella

Carceri: si suicida in cella con i lacci delle scarpe


Carceri: si suicida in cella con i lacci delle scarpe
28/09/2012, 11:15

BIELLA - Si è suicidato in carcere con i lacci delle scarpe. A compiere questo disperato gesto è stato L.S., detenuto italiano 51enne del carcere di Biella. Erano le 23:15 di ieri sera quando, nel reparto isolamento della Casa Circondariale di Biella, l’uomo ha deciso di togliersi la vita, impiccandosi alle inferriate della finestra della cella con i lacci delle sue stesse scarpe.  L.S. stava scontando in carcere una condanna per una serie di furti e rapine e sarebbe potuto tornare in libertà nel 2014. A riferirlo è l’Osapp, organizzazione sindacale autonoma di Polizia penitenziaria, che sottolinea come si tratti del 118esimo morto dall’inizio dell’anno nelle carceri italiane e, nello specifico, del 41esimo caso di suicidio.

Il segretario generale dell’Organizzazione sindacale autonoma polizia penitenziaria (Osapp) Leo Beneduci ha commentato così l’ennesimo suicidio nelle patrie galere, afflitte dall’annoso problema del sovraffollamento (circa 22mila detenuti in più rispetto alla capienza delle strutture) e da sottodimensionamento degli organici di polizia penitenziaria: “Una vera e propria strage di Stato che bisogna fermare a ogni costo. Tralasciando il senso di frustrazione che pervade coloro che operano in carcere del tutto impotenti davanti ai drammi che si consumano ogni giorno negli istituti di pena, e che spesso ci coinvolgono direttamente, come poliziotti penitenziari non possiamo subire ulteriormente l’inerzia dell’amministrazione e della politica che abbandonano a se stessi quasi 100 mila donne e uomini nelle carceri, 66.500 dei quali sono detenuti”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©