Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Minicucci: Santbono il primo ospedale di riferimento del Sud

Card. Sepe: prima pietra del nuovo centro risvegli coma al Santobono


Card. Sepe: prima pietra del nuovo centro risvegli coma al Santobono
12/02/2011, 10:02

Napoli, 12 febbraio 2011 – L’arcivescovo di Napoli, Crescenzio Sepe, ha posto ieri, con calce e cazzuola, la prima pietra del Centro risveglio dal coma dell'ospedale pediatrico Santobono. La struttura specialistica, sarà realizzata grazie ai fondi raccolti dalla Curia partenopea durante l'annuale asta natalizia di beneficenza, e sarà inaugurata il prossimo 26 giugno. Il cardinale Sepe coadiuvato da don Antonio, cappellano dell'ospedale, ha benedetto i locali e i medici che lavorano e lavoreranno nel nuovo reparto. Ai medici e al personale della nuova struttura ha rivolto loro un incoraggiamento: "Voi siete le pietre vive che servono per costruire queste opere meravigliose, questo nuovo reparto con l'obiettivo di dare sempre più qualità per il recupero dei bambini". Il reparto come spiegato dal direttore generale dell'azienda Santobono-Pausillipon Anna Maria Minicucci "accoglierà una serie di diagnostiche fornite di strumenti di alta tecnologia che fanno del Santbono il primo ospedale di riferimento del Sud e uno tra i migliori d'Italia". Il reparto è stato progettato dalla facoltà di Architettura della Seconda Università di Napoli e accoglierà il progetto 'L'arte in ospedalé che vedrà protagonista l'artista napoletano Lello Esposito. A lui il compito di realizzare un'opera artistica "per donare allegria e fiducia". Il cardinale terminata la cerimonia della posa della prima pietra ha portato il suo saluto a i bambini ricoverati nel reparto di neurochirurgia e alle loro famiglie. Prima d i lasciare il Santobono, per dare il via all'anno giubilare con la simbolica apertura di Porta San Gennaro, l'Arcivescovo di Napoli ha incontrato i bambini della scuola elementare 'Vanvitelli' e della parrocchia dei Fiorentini a cui ha rivolto l'augurio di crescere "buoni e sani". (Foto a cura di Francesco Esposito)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©