Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il ministro delle Pari opportunità in un intervista su "Chi"

Carfagna:"Entro l'anno mi sposerò, poi voglio due figli"


Carfagna:'Entro l'anno mi sposerò, poi voglio due figli'
04/05/2010, 16:05

ROMA - Mara Carfagna appare oramai determinata: tanta voglia di metter su famiglia con un matrimonio (di quelli "tradizionali", per carità) e qualche pargoletto che scorrazza per casa riempiendo le stanze di dolci schiamazzi.
Il ministro della Pari opportunità, in un'intervista rilasciata a "Chi", infatti confessa:"Ho già 34 anni e non vorrei diventare mamma tardi. Desidero minimo due figli". Ovviamente, per fare i bimbi, occorre il compagno giusto. E così, entro quest'anno, è annunciato il matrimonio con il fidanzato
Marco Mezzaroma. Notizie che però non appaiono come rivelazioni o "scoop" dato che, come noto, già diverse riviste nelle settimane passate avevano ritratto il ministro che coccolava qualche bimbo in pubblico e permettendo ai vari esperti di gossip titoli chiari come "Prove di maternità". E che si passi dalla teoria alla pratica in prima persona la Carfagna lo conferma quando parla dei ruoli che sarebbero già stati definiti:"Marco è piu' bravo di me con i bambini e desidera molto una femmina perchè è pigro e preferirebbe non essere costretto a giocarci a pallone".
E così, tra una dichiarazione materna e l'altra, non può che scapparci la domandina "cattiva" riguardo le ultime vicende collegate all'amico Italo Bocchino:"Non rinnego un'amicizia, ma non sono affatto d'accordo con lui. Ora siamo su due fronti opposti: lo dico chiaramente"; la risposta della futura mamma e moglie non pare lasciar spazio ad ambiguità di alcun genere; anche la Carfagna, nella sanguinosa battaglia interna del Pdl, ha deciso con chi schierarsi ed ha fatto un preciso distinguo tra amici ed ex amici. Del resto, come noto, non è Bocchino il personaggio da ringraziare per la prestigiosissima carica politica ricevuta; non è bocchino quello che ha trasformato un aspirante show girl in una "ministra".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©