Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rischio sanzione da 25 a 500 euro

Carnevale, ordinanza del Sindaco: vietate la vendita e l'uso di bombolette spray


Carnevale, ordinanza del Sindaco: vietate la vendita e l'uso di bombolette spray
17/02/2009, 14:02

In vista del Carnevale, con apposita ordinanza (la n. 5 del 17 febbraio 2009), il Sindaco di Acerra, Espedito Marletta, ha vietato, a partire dal 21 febbraio e fino al 26 febbraio prossimi, la vendita e l'uso di bombolette spray o prodotti simili il cui uso improprio possa produrre danno a terzi, “intendendosi per danno sia l'imbrattamento delle persone e degli abiti, sia gli irritamenti agli occhi e alle vie respiratorie”, si legge nell'ordinanza che contiene anche il divieto, nello stesso periodo della vendita di uova e farina ai minori.

L'ordinanza nasce dal fatto che in occasione del Carnevale può verificarsi l'uso improprio di prodotti liquidi, gassosi o in polvere, in bombolette spray o in altri tipi di confezione, nonchè di uova e farina utilizzati per produrre danni alle persone e alle cose che “costituisce un vero e proprio atto di violenza e di limitazione della sfera della libertà personale”.

Per ragioni di tutela dell'incolumità pubblica e per evitare problemi di ordine pubblico, “su tutto il territorio comunale, in occasione delle manifestazioni carnevalesche e delle sfilate dei carri allegorici, fermo restando l'uso della maschera nei luoghi aperti al pubblico, dovranno essere osservate da chiunque, anche privo di maschera, le seguenti prescrizioni: divieto di portare armi improprie o altri strumenti atti ad offendere; divieto di gettare materie imbrattanti o pericolose; divieto di molestare le persone; obbligo di togliersi la maschera ad ogni invito degli ufficiali ed agenti di pubblica sicurezza”, è scritto nell'ordinanza che si conclude così:

Chi vìola il provvedimento va incontro alla sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro. Inoltre chi si renderà colpevole di aggressione alle persone mediante utilizzo di bombolette spray, lancio di uova e farina sarà denunciato all'Autorità Giudiziaria ai sensi dell'art. 650 cpp. La presente è trasmessa al Comando di Polizia Municipale, al Comando dei Carabinieri e al Commissariato di Polizia per la rigorosa osservanza dell'esecuzione”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©