Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Per ora è solo una indagine conoscitiva

Casa al Colosseo di Patroni Griffi: aperta un’inchiesta

Per il momento nessun indagato o ipotesi di reato

Casa al Colosseo di Patroni Griffi: aperta un’inchiesta
13/01/2012, 14:01

ROMA - La Procura di Roma ha aperto un fascicolo sulla compravendita dell’appartamento, vicino al Colosseo, da parte del ministro della Funzione Pubblica Filippo Patroni Griffi. L’anticipazione viene data da “Il Messaggero” e, a quanto pare, per il momento il fascicolo non comprenderebbe ipotesi di reato, né indagati. Si tratterebbe, dunque, di una indagine conoscitiva, con la quale la Procura intende verificare se dietro la vendita dell’immobile, acquistato nel 2008 dall’Inps a prezzi di favore, da parte dell’attuale ministro Patroni Griffi, ci siano state irregolarità. Va specificato che la casa, in via di Colle Oppio, fu acquistata per centosettantamila euro e che negli anni di questo affare Filippo Patroni Griffi era presidente di sezione del Consiglio di Stato.
Al momento, il fascicolo aperto dalla Procura contiene solo alcuni articoli di stampa. Il procedimento avviato dal procuratore aggiunto Alberto Caperna, infatti, è rubricato come “atti relativi”: cioè senza indagati e senza ipotesi di reato. Al nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza, intanto, è stato dato l’incarico di ricostruire tutta la vicenda che risale alla fine degli anni Ottanta: quando Patroni Griffi, allora componente del Consiglio di Stato (che qualificò lo stabile come immobile “non di pregio”, agevolandone così l’affare), ottenne l’affitto dall’Inps dell’appartamento.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©