Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Casa Di Matteo, la prima del centrosud per accogliere bambini malati


Casa Di Matteo, la prima del centrosud per accogliere bambini malati
15/06/2017, 22:26

Nasce a Napoli La casa di Matteo, la prima struttura di accoglienza di tutto il centrosud per bambini con gravi disabilità o forme tumorali in stato di affido o di adozione. I piccoli ospiti, che saranno segnalati direttamente dal Tribunale dei Minori di Napoli, saranno circondati da amore familiare oltreché di un accompagnamento sanitario ed umano che li proteggerà sino agli ultimi giorni della loro vita.

La casa, che nasce da una storia vera quella di Matteo: un bambino desiderato e amato dai suoi genitori che purtroppo, dopo appena un anno dall’adozione, scoprirono il male incurabile di quel piccolo angelo biondo, sarà presentata alla stampa sabato 17 giugno alle ore 11 al Vomero in Via Pigna, 92. E dalle 12.30 in poi accoglierà, invece, tutti i napoletani che vorranno visitare questa innovativa struttura.

All’inaugurazione ci saranno, tra gli altri, il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il presidente dell’Associazione “A Ruota Libera Onlus” Luca Trapanese, il vice-presidente della Commissione Bilancio della Regione Campania Alfonso Longobardi, Don Gennaro Matino e i genitori del piccolo Matteo Rosa e Luigi Volpe.

“La Casa di Matteo - spiega  Luca Trapanese – è stata concepita e realizzata come una vera e propria casa famiglia colorata e piena di vita: la prima in tutto il centro sud”. Circa 200 mq tra cucina salone e camerette attrezzate per le terapie. A fare da filo conduttore al progetto sarà il vicino ospedale pediatrico Santobono. “Abbiamo scelto la sede del Vomero - continua Trapanese - proprio per la vicinanza al più importante nosocomio pediatrico del Sud. Lo scopo del nostro progetto, che nasce dalla tragica storia del piccolo Matteo, è infatti proprio quello di dare amore e gioia a questi piccoli poco fortunati assistendoli non solo con cure mediche ma anche e soprattutto con tanto amore in tutto quello che sarà il  percorso della loro vita”.

Sei gli operatori che si alterneranno h24 nella Casa di Matteo, tra infermieri, psicologi ed educatori coadiuvati da un coordinatore e sette i posti letto a diposizione per bambini di età compresa da 0 a 12 anni. E, ad oggi, le richieste hanno già superato la capienza disponibile.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©