Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Casal di Principe, in manette elemento di spicco del clan dei Casalesi


Casal di Principe, in manette elemento di spicco del clan dei Casalesi
07/07/2012, 10:07

Nella mattinata odierna, la Squadra Mobile, dopo prolungati servizi di pedinamento ed appostamento, ha arrestato SCHIAVONE Alfonso, alias “U’ Tartaro”, nato a Casal di Principe (CE) e residente a Sessa Aurunca (CE) in località Epitaffio, con numerosi precedenti di polizia per reati associativi ed altro, già Sorvegliato Speciale di P.S., colpito da Ordine di Esecuzione per la Carcerazione nr.801/2012 SIEP emesso il 5.07.2012 dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Napoli, per l’espiazione della pena di anni 2, mesi 5 di reclusione, colpevole dei reati di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, falsità materiale commessa da p.u. e falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale, in concorso ed aggravato dall’art. 7 L. 203/91. In particolare, lo SCHIAVONE è stato rintracciato nei pressi dell’abitazione nella citata località Epitaffio, immersa in una folta vegetazione su un terreno nei pressi del fiume Garigliano, in cui è stata fatta irruzione. Al momento dell’irruzione, lo SCHIAVONE ha tentato una breve fuga attraverso la vegetazione, dirigendosi verso le sponde del fiume Garigliano, interrotta subitamente dalla prontezza degli operatori della Squadra Mobile che lo hanno raggiunto ed immobilizzato. Dalle risultanze investigative della Squadra Mobile, risulta che lo SCHIAVONE Alfonso sia da ritenere elemento di spicco dei CASALESI, indicato da alcuni collaboratori di giustizia pienamente inserito nel citato clan, ritenuto braccio destro di SCHIAVONE Carmine, storico pentito della camorra casertana ed incaricato alla custodia delle armi del clan, nonché in precedenza “gestore dei traffici illeciti delle truffe AIMA” per l’erogazione di somme pubbliche, per la produzione di ortofrutta, che finivano però nelle casse del clan. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato associato presso la Casa Circondariale di Santa Maria Capua Vetere (CE), a disposizione dell’Autorità giudiziaria, tempestivamente informata.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©