Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Casalesi, arrestati 2 fiancheggiatori di Setola


Casalesi, arrestati 2 fiancheggiatori di Setola
21/02/2011, 12:02

In data odierna, il dipendente Nucleo Investigativo e la Stazione di Parete hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli su richiesta della locale DDA, nei confronti di due fiancheggiatori dell’ala stragista del clan “dei casalesi” (cd. “gruppo Setola”), che tra la primavera del 2008 e l’inizio del 2009 si è reso responsabile di efferati omicidi e numerosi attentati in provincia di Caserta. I provvedimenti traggono origine dall’approfondimento di un’attività investigativa, già sfociata nell’emissione di misura cautelare in carcere nei confronti di altri tredici fiancheggiatori eseguita l’8 novembre 2010, sviluppato attraverso l’analisi di indagini condotte nella contestualità dell’attuazione di una vera e propria “strategia del terrore”, posta in essere da SETOLA Giuseppe e dai suoi sodali, in danno di testimoni di giustizia, imprenditori, congiunti di collaboratori di giustizia e attività commerciali, con le dichiarazioni di recentissimi collaboratori di giustizia, che hanno chiarito alcuni aspetti fondamentali di tali vicende, permettendo di rileggere in maniera compiuta le dinamiche e, soprattutto, di svelare gli appoggi logistici di cui il gruppo criminale si avvaleva. I soggetti arrestati oggi sono: M.L. 30enne di Casal di Principe (CE) e R.L. 43enne di Giugliano in Campania (NA). Essi sono accusati di aver attivamente partecipato all’associazione camorristica denominata clan “dei casalesi” - gruppo Setola e precisamente: il R.L.di aver fornito ospitalità in diverse circostanze ai latitanti SETOLA Giuseppe, BIDOGNETTI Raffaele, LETIZIA Giovanni, SPAGNUOLO Oreste, i quali utilizzavano, con sistematicità ed in tempi diversi, la struttura alberghiera “Hotel Flag” dell’indagato, ubicata in località Varcaturo (NA) per alloggiare, per incontrare altri affiliati ed imprenditori sottoposti ad attività estorsive nonché per occultare i veicoli utilizzati nelle azioni delittuose; M.L. agevolando stabilmente la latitanza di SETOLA Giuseppe e IOVINE Antonio, fungendo, in tempi diversi da loro autista e da supporto decisivo dell’azione del Setola stesso, nonché agendo da esecutore nel sostenere le casse del clan attraverso attività estorsive o di recupero dei profitti delle attività mafiose.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©