Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Casalesi: arrestato in clinica il latitante Vincenzo Schiavone

Detto Copertone, perchè bruciava i cadaveri con pneumatici

.

Casalesi: arrestato in clinica il latitante Vincenzo Schiavone
26/04/2011, 13:04

NAPOLI - Omicidio ed estorsioni, considerato il cassiere del clan dei Casalesi, questo il curriculum del 37enne Vincenzo Schiavone il latiante arrestato nella notte di Pasqua A Sant'Angelo dei Lombardi, uomo che fa capo al boss ergastolano Francesco Schiavone detto Sandokan. Latitante dal settembre del 2008, Vincenzo Schiavone detto 'Copertone', per la sua abitudine di bruciare cadaveri incendiando pneumatici, e' stato trovato in una clinica di Sant'Angelo in cura per un tumore. Lo hanno rintracciato gli agenti della squadra mobile di Avellino e Caserta, coordinati dalla Dda di Napoli. Ora si trova rinchiuso nel carcere di Secondigliano.
Schiavone sfuggi' all'ordinanza Spartacus III emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda il 30 settembre di tre anni fa. Nel 2004, durante una perquisizione, la polizia sequestro' il suo computer nel quale era annotata l'intera contabilita' del clan, compresi i nomi di tutti gli imprenditori e commercianti che venivano sottoposti alle richieste di pizzo. E' stato calcolato che il fatturato mensile del clan gestito da Schiavone si aggirava intorno ai 300mila euro.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©