Cronaca / Nera

Commenta Stampa

La Gazzetta di Caserta sulla 'marcia su Roma' della camorra

Casalesi: la talpa di Iovine è uno 007 della Capitale


Casalesi: la talpa di Iovine è uno 007 della Capitale
05/11/2009, 02:11

NAPOLI – Antonio Iovine, il superlatitante del sodalizio criminale dei Casalesi, gode dell'appoggio di una talpa d'eccezione: un finanziere in servizio presso i servizi segreti di Roma. E' quanto riporta in prima pagina la Gazzetta di Caserta, nell'edizione di oggi 5 novembre, a firma di Marilena Natale.
La talpa sarebbe Francesco Guerrazzi, 45enne residente a Paliano, in provincia di Frosinone. Il suo nome è scritto nel registro degli indagati insieme a quello di altre sette persone, nell'ambito dell'inchiesta che ha portato all'arresto di Oreste Iovine e di altre tre persone, tra cui un carabiniere ed un ispettore di polizia. La posizione di Guerrazzi è tuttora al vaglio degli inquirenti, ma i carabinieri del nucleo investigativo hanno setacciato la sua abitazione di Paliano insieme a quelle degli altri arrestati ed alla casa di Nicola Basco, ritenuto molto vicino al 'Ninno' ed anch'egli indagato.
Nell'articolo della Gazzetta, Marilena Natale elenca le tracce del superlatitante dei Casalesi scovate nella Capitale: discoteche, negozi ed altre attività commerciali che possono facilmente essere usate come 'lavanderia' per i propri guadagni illeciti e per quelli degli affiliati al clan. La tesi che il quotidiano evidenzia è quella definita della “marcia su Roma della camorra”. La Capitale infatti rappresenta, oltre ad un territorio ricco, vicino (gli interessi della camorra nel Lazio sono ormai accertati da anni), anche il luogo ideale per il salto di qualità che renderebbe ancora più forte il sodalizio criminale: trattare con lo Stato. Ovvero, è necessario precisare, con elementi corrotti che ricoprono importanti incarichi istituzionali.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©