Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Casalnuovo, tentano di rubare un furgone dell'Arin: arrestati


Casalnuovo, tentano di rubare un furgone dell'Arin: arrestati
27/04/2012, 15:04

Ha pensato di effettuare la sua pausa pranzo presso una pizzeria in Casalnuovo (NA) e così, dopo aver parcheggiato il furgone aziendale al Prolungamento Corso Italia, si è accomodato al tavolo per consumare il pasto.

Il furgone, un Fiat Doblò della società di erogazione acqua potabile Arin S.p.A., è stato subito preso di mira da due ladri: un umo di  di 30 anni e un uomo di di 41 anni, entrambi pregiudicati, i quali giunti a bordo di una Fiat Panda, hanno pensato bene d’impossessarsene.

Gli agenti del Commissariato di P.S. “Acerra”, nel corso dei normali servizi di prevenzione e controllo del territorio, nel transitare nella zona, si sono insospettiti dei movimenti dei due, tanto da voler procedere ad accertamenti.

L’uomo che era già a bordo del furgone, alla vista della Polizia, è disceso raggiungendo l’autovettura, a bordo della quale vi era il complice.

I poliziotti hanno bloccato i due uomini , accertando che il furgone presentava palesi segni di manomissione all’impianto elettrico della centralina di accensione, al gruppo di messa in moto ed al portellone scorrevole, al quale era stato bloccato il meccanismo di apertura.

Da un’ispezione all’autovettura, gli agenti hanno accertato che i due erano in possesso di un vero e proprio kit per lo scasso, composto da molteplici arnesi.

L’auto, risultata appartenere al 30enne priva di copertura assicurativa e corredata di una carta di circolazione verosimilmente non originale, è stata sequestrata.

Il 41enne sottoposto tra l’altro all’obbligo di presentazione alla P.G. nel quartiere Poggioreale e il 30enne, sono stati arrestati perché responsabili, in concorso tra loro, del reato di tentato furto aggravato e possesso ingiustificato di attrezzi atti allo scasso. L’ignaro dipendente è stato rintracciato dai poliziotti mentre stava pranzando.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©