Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Casandrino: Scoperte due fabbriche clandestine


Casandrino: Scoperte due fabbriche clandestine
02/03/2012, 12:03

Negli ultimi giorni, in Casandrino, periferia a nord di Napoli, militari del dipendente Nucleo Operativo del Gruppo Carabinieri per la Tutela del Lavoro di Napoli, reparto speciale dell’Arma, collaborati dai militari della Compagnia di Casoria, a conclusione di un’articolata attività info-investigativa, volta al contrasto del fenomeno dello sfruttamento dei lavoratori extracomunitari clandestini, procedevano al controllo di 2 laboratori di confezioni gestiti da altrettanti extracomunitari, T.S. 29enne di etnia bengalese e M.M. 44enne pakistano, deferendoli in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, per aver occupato alle proprie dipendenze, cittadini stranieri privi del permesso di soggiorno per lavoro subordinato.

Nel medesimo contesto operativo, venivano deferiti in stato libertà anche altri 8 extracomunitari, tra pakistani e bengalesi, responsabili di ingresso e permanenza sul territorio italiano.

Al termine delle attività, gli opifici ispezionati, della superficie di circa 150 metri quadrati ciascuno e del valore complessivo di euro 350.000,00 circa, venivano sottoposti a sequestro per totale carenza delle norme di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Complessivamente, venivano:
 rintracciati n. 22 lavoratori extracomunitari “in nero” di cui n. 8 clandestini sul territorio nazionale, e pertanto accompagnati presso l’Ufficio Immigrazione della Questura partenopea per le operazioni di espulsione dal territorio nazionale;
 adottati n. 2 provvedimenti di sospensione immediata dell’attività imprenditoriale per una percentuale del 100% di occupazione di manodopera “in nero”;
 contestate n. 88 prescrizioni in materia di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro per un importo totale di euro 435.200,00;
 elevate n. 130 sanzioni amministrative per un importo di euro 90.000,00;
 recuperati contributi previdenziali assistenziali e premi evasi per un importo totale di euro 10.000,00 circa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©