Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La risposta: "Non ci faremo intimidire"

Casapound, atto vandalico a Prato, infranta vetrina


Casapound, atto vandalico a Prato, infranta vetrina
25/12/2011, 15:12

FIRENZE - Atto vandalico contro la sede di Casapound a Prato. Nella notte tra il 23 e il 24 dicembre, è stata infranta la vetrina del circolo in via Convenevole 41. I responsabili di Casapound hanno presentato denuncia e sull'episodio indaga la Digos. Nessuna rivendicazione è stata fatta finora. La polemica sull'attività dell'organizzazione si è animata particolarmente nei giorni scorsi dopo l'omicidio di due senegalesi e il ferimento di altri tre, il 13 dicembre a Firenze, per mano dell'estremista di destra Gianluca Casseri, simpatizzante e frequentatore dei circoli di Casapound. «Eravamo già stati vittima di gesti intimidatori minori, dalla colla nella serratura alle più fastidiose scritte inneggianti odio - scrivono sul sito di CasaPound Prato - ed ora è arrivato un danneggiamento serio della nostra vetrina. Il clima di odio politico in Italia ormai è evidente». «Per quanto ci riguarda, non ci lasceremo certo intimidire da questi gesti vigliacchi - continua la nota - Provvederemo a presentare denuncia contro ignoti e continueremo con la nostra politica del fare, senza scendere al livello dei provocatori che vorrebbero alzare il clima di tensione in città. Continueremo quindi a partecipare alla vita politica della città, ad essere presenti con le nostre proposte di legge laddove il disagio sociale si fa più marcato, a produrre eventi culturali già dalle prossime conferenze in programma». «Ci aspettiamo - conclude Cpi - la ferma condanna da parte di tutti i soggetti politici ed istituzionali della nostra città, per fare subito terra bruciata intorno a chi vorrebbe trascinare Prato in un clima di intolleranza e di odio politico».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©