Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caserta, nuovo statuto del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop


Caserta, nuovo statuto del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop
17/01/2011, 12:01

Il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop ha un nuovo statuto, che sancisce il nuovo corso dell’organismo di vigilanza e promozione e garantisce la rappresentanza di tutti i soggetti della filiera bufalina, dagli allevatori produttori di latte fino ai caseifici.
L’assemblea dei soci ha approvato all’unanimità le modifiche allo statuto nel corso della riunione tenuta all’hotel Vanvitelli.
Le nuove regole facilitano l’ingresso della componente degli allevatori nel Consiglio di amministrazione, consentendo il raggiungimento di un equilibrio nella rappresentanza dell’intera filiera, ritenuto fondamentale per affrontare le sfide della competizione globale nel settore agroalimentare.
Per la prima volta viene decisa la nascita di un Comitato Paritetico, composto da 6 membri, 3 appartenenti alla categoria dei caseifici e 3 a quella degli allevatori produttori di latte, coordinato dal direttore del Consorzio. Il Comitato Paritetico è l’unico soggetto abilitato a presentare proposte di modifiche anche al disciplinare di produzione della Mozzarella di Bufala Campana Dop, tema oggi quanto mai attuale in relazione alle esigenze del mercato.
“Da oggi il Consorzio di Tutela è più forte, unito e autorevole”, commenta il presidente Luigi Chianese. “In questi mesi di lavoro che hanno portato a concretizzare le modifiche allo statuto – sottolinea – siamo riusciti a trovare una sintesi tra tutti i protagonisti della vita del Consorzio, in nome del comune obiettivo di rafforzare sempre più il marchio Dop della Mozzarella di Bufala Campana, la più importante Dop del centro-sud Italia. Il voto all’unanimità dell’assemblea conferma la volontà di un rinnovato impegno di tutti a lavorare insieme, mettendo da parte le incomprensioni del passato”.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©