Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caserta, poliziotti travestiti da casellanti arrestano corrieri di droga


Caserta, poliziotti travestiti da casellanti arrestano corrieri di droga
23/06/2012, 13:06

Nella mattinata odierna, alle ore 11 circa, nell’ambito di servizi antidroga predisposti dalla Questura di Caserta lungo le arterie ed i crocevia del traffico di stupefacenti, i poliziotti della Squadra Mobile di Caserta hanno arrestato in flagranza di reato, per detenzione di oltre duecento grammi di cocaina purissima, un uomo ed una donna, S.M. di 33 anni, e la fidanzata, C.A. di 20 anni, entrambi originari dell’anconetano. I due giovani, entrambi incensurati, lui dipendente dell’Acquedotto locale, lei operaia tessile, viaggiavano a bordo di una potentissima Honda CBR 600, sono stati fermati alla barriera di autostradale di Napoli Nord dai poliziotti travestiti da casellanti ed operai dell’A.N.A.S.. Infatti, lo snodo autostradale rappresenta un fondamentale crocevia per il traffico di stupefacenti dal napoletano al centro e nord Italia, pertanto, erano stati predisposti specifici e discreti servizi di osservazione ed appostamento, per intercettare eventuali corrieri, anche perché con l’approssimarsi della stagione estiva si registra un intensificazione dei traffici verso il Nord Italia dalle più importanti piazze dello spaccio campane. Infatti, i poliziotti, mentre tenevano sotto controllo il transito di veicoli, notavano l’arrivo della potente moto, con a bordo i due giovani, un uomo ed una donna, e pertanto decidevano di effettuarne il controllo, approfittando della sosta forzata per il ritiro del tagliando del pedaggio. L’intuito degli investigatoti era premiato dal rinvenimento nel marsupio in possesso della ragazza di un involucro, confezionato sottovuoto, contenente sostanza stupefacente del tipo cocaina in forma solida per il peso di 201 grammi. I due, pertanto, venivano arrestati per detenzione ai fini di spaccio dello stupefacente, e mentre la donna veniva tradotta al carcere femminile di Pozzuoli, l’uomo era associato alla Casa Circondariale di Santa Maria C.V. (CE).

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©