Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Caserta, scoperta discarica abusiva di 17.000 mq


Caserta, scoperta discarica abusiva di 17.000 mq
11/02/2011, 14:02

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, sotto la spinta propulsiva del Procuratore Capo della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e in aderenza al protocollo d’intesa recentemente sottoscritto presso la Prefettura di Caserta alla presenza dei Ministri dell’Interno, della Giustizia e dell’Ambiente, ha intensificato i controlli in materia di tutela ambientale.

In tale contesto, le Fiamme Gialle della Compagnia di Marcianise hanno individuato e posto sotto sequestro una cava di tufo dismessa, localizzata in San Marco Evangelista (CE), a poche centinaia di metri in linea d’aria dal centro abitato e in prossimità dei terreni coltivati, illecitamente adibita a discarica abusiva.

L’operazione di servizio, che si inquadra nell’ambito della più complessa attività di monitoraggio del territorio della Provincia di Caserta finalizzato alla tutela ambientale, ha consentito di rinvenire una elevata quantità di rifiuti, molti dei quali rientranti nella categoria di quelli speciali e tossici; tra cui migliaia di pneumatici usati, elettrodomestici, carcasse di animali, nonché materiale ETERNIT, che è notoriamente considerato altamente cancerogeno per la salute umana.

L’inquinamento originato dal materiale abbandonato, oltre a deturpare l’ambiente, scaturisce dall’obiettivo di evitare gli elevati costi necessari per il regolare smaltimento nelle discariche autorizzate.

Nei prossimi giorni saranno interessati anche gli organi competenti per la bonifica dell’intera area, pari a 17.000 metri quadri.

Il proprietario della cava è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere e deve rispondere dei reati in materia di tutela ambientale.

L’attività di servizio nello specifico comparto operativo testimonia, ancora una volta, l’impegno profuso quotidianamente dalla Guardia di Finanza al servizio della collettività.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©