Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Protagonisti due pensionati

Caserta, scoperta truffa all'Inps da 70 mila euro

Dichiaravano il falso per ottenere il contributo di sostegno

Truffa da 70 mila euro all'Inps
Truffa da 70 mila euro all'Inps
03/10/2013, 11:29

CASERTA - Un'altra truffa scoperta. Due coniugi casertani dichiaravano di essere residenti in Italia e denunciavano all'Inps redditi minimi per percepire l'assegno sociale di sostentamento. Invece si trattava di due pensionati di fatto residenti negli Stati Uniti d'America e precisamente nella Contea del Massachuesetts.La Compagnia della Guardia di finanza di Capua ha scoperto i due coniugi casertani che, da ormai otto anni, percepivano indebitamente il contributo destinato ai cittadini che si trovano in condizioni economiche disagiate. La legge dice che per ottenere il sussidio, pari e circa 450 euro al mese, è necessario avere compiuto 65 anni di età, essere residenti in Italia e non essere titolare di reddito superiore a 7 mila euro. La cosa è venuta a galla attraverso accertamenti e controlli incrociati con le banche dati dell'Inps, attraverso il cui Istituto si è proceduto alla immediata revoca degli assegni sociali e alla quantificazione del nocumento arrecato all'Erario. I due coniugi sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per truffa ai danni dello Stato. La somma totale percepita dai due, in tutto questo tempo, dovrebbe ammontare più di 70 mila euro. L'Autorita' Giudiziaria ha di conseguenza disposto il sequestro preventivo di un immobile di proprietà della coppia, a Bellona.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©