Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Proseguono i rilievi sul tetto della Chiesa

Caso Claps: la ragazza venne violentata


Caso Claps: la ragazza venne violentata
30/03/2010, 21:03

POTENZA - Oramai non ci sono più dubbi:le analisi effettuate sul corpo di Elisa Claps (che all'epoca del decesso avev 16 anni), rivelano "un dato certo" e cioè che la ragazza venne violentata. A confermalo è il consulente della famiglia della ragazza potentina Marco Gallo.
Uscendo dalla Chiesa della Santissima Trinità nella quale sta per concludersi il terzo sopralluogo della polizia scientifica, il perito ha dichiarato infatti che "dai fatti ufficiali è sicuro" che il 12 settembre 1993 Danilo Restivo - l'unico indagato per omicidio, violenza sessuale e occultamento di cadavere - è sicuramente stato con Elisa. Ora bisogna vedere quando e dove l'ha lasciata". Ma esistono tracce biologiche di Resistivo riscontrate sul corpo? "Non so se ci sono tracce biologiche di Restivo sul corpo di Elisa e, comunque - ha concluso Gallo - non potrei rispondere".
La trama dell'intricato giallo iniziato 17 anni fa cominciano dunque a palesarsi ed intanto le indagini della autorità (portate avanti anche con l'utilizzo di "illuminol" e "crimescope" per individuare eventuali tracce di sangue") non cessano ed anzi divengono più approfondite. Setacciato fino all'ultimo millimetro il terzo piano della Chiesa; adibito a deposito da diversi anni.
Intanto Rocco Galasso, responsabile del centro culturale Newman, ha dichirato che ""i soci del centro Newman, fin dai primi momenti dell'indagine, hanno sempre collaborato con gli inquirenti. E continueremo a essere a loro disposizione fino a quando, speriamo presto, non verrà fuori la verità sulla morte di Elisa Claps. Non è assolutamente giusto parlare di atteggiamenti omertosi da parte nostra. Comunque, devo ribadire che noi rimaniamo sereni, nella consapevolezza che, dal 1969, anno di fondazione, la nostra associazione ha sempre operato in maniera sana per contribuire alla vita sociale della città".
E sui dubbi nati riguardo la figura di Don Mimì, "storico" parroco della Trinità in carica fino alla sua morte (avvenuta nel 2008 all'età di 85 anni), Galasso su "La Repubblica" risponde così:"Chi, come noi, ha conosciuto tutti gli aspetti del suo carattere, continua a considerarlo come una figura spirituale di riferimento. Crediamo che nei suoi confronti, in questi giorni, vi sia un eccessivo accanimento".

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©